The Town of Light raccoglie fondi per l’educazione sulla salute mentale

Wired Productions, che si è occupato della produzione della versione console di “The Town of Light” dello studio italiano LKA.it, ha annunciato l’inizio di una campagna che intende coltivare una maggiore consapevolezza sulla malattia mentale. “The Town of Light”, di cui potete leggere qui la mia recensione all’epoca del lancio della versione PC (ma la nostra Sofia ha un’opinione decisamente diversa su questo gioco), racconta una storia ambientata prima e durante la Seconda Guerra Mondiale nell’ospedale psichiatrico di Volterra (“il manicomio”) e, con questa storia, racconta l’orrore del trattamento della malattia mentale in Italia prima della legge Basaglia.

Wired Productions, insieme all’organizzazione no-profit TakeThis, inizia ora una campagna che durerà un intero anno e che punta a informare ed educare sulla malattia mentale e rompere i tabù associati a questi disturbi con attività ed eventi di beneficenza. La prima iniziativa riguarda proprio “The Town of Light”: parte dei guadagni del gioco saranno devoluti a Take This e usati per le attività dell’associazione. “Anche se quello che riguarda la salute mentale è ora discusso in modo più aperto, l’opera per rendere il pubblico consapevole di questi disturbi e della loro natura è lontana dall’essere completata” dice Leo Zullo di Wired Productions.

“Il nostro obiettivo nel prossimo anno è portare finanziamento ai nostri partner, come TakeThis e altre organizzazioni di beneficenza che lavorano a livello locale, nazionale e internazionale. La comunità dei videogiochi sa prendersi cura degli altri, e accogliamo quindi il suo aiuto nel portare servizi tanto necessari a chi ne ha più bisogno.” Shannon Gerritzen di TakeThis aggiunge che “c’è anche un certo rifiuto nel discutere di salute mentale. Vedere compagnie come Wired Productions fare passi avanti nella comunità dei giochi per assicurarsi che le persone si sentano a loro agio nel discutere questi argomenti, e far capire perché dovrebbero discuterne, è una grande vittoria. Siamo onorati di collaborare con Wired per questa iniziativa. Diciamo sempre alle persone che va bene dire: Oggi non sto bene. Questo sforzo ci aiuta ad amplificare quel messaggio e siamo grati alla piattaforma che lo consente.” LKA.it e Wired Productions hanno inoltre distribuito oggi la versione demo di “The Town of Light” per PlayStation 4 e Xbox One.