BioWare termina i lavori sul single player di Mass Effect Andromeda

Mesi fa abbiamo dato la notizia, proveniente da fonti di Kotaku, della chiusura di BioWare Montréal e della fine dell’investimento di Electronic Arts su “Mass Effect” dopo “Mass Effect: Andromeda”. “Mass Effect: Andromeda” doveva rappresentare un nuovo inizio per “Mass Effect” ma, a causa di uno sviluppo difficile compleato alla fine in soli 18 mesi, è stato malamente accolto dal pubblico sin da prima della sua uscita a causa di una serie di problemi nelle sue animazioni e la critica lo ha poi giudicato il peggiore dei giochi della serie (il che, va detto, non lo rende brutto in assoluto).

BioWare si è allora dedicata a una serie di aggiornamenti e patch per il single player del gioco mentre intanto venivano pubblicati nuovi contenuti per il suo multiplayer, ma già cominciava a essere chiaro che l’impegno degli sviluppatori e del produttore non si sarebbe prolungato in DLC di storia come accaduto invece nella trilogia originale.

Electronic Arts ha già confermato di aver effettivamente fuso BioWare Montréal, lo studio di BioWare responsabile di “Mass Effect: Andromeda”, con l’altro suo studio locale, Motive, attualmente al lavoro su vari progetti (tra cui “Star Wars: Battlefront 2”) mentre BioWare lavora ad “Anthem” e al nuovo “Dragon Age”. Oggi BioWare annuncia che, dopo l’ultimo aggiornamento 1.10, è finito il suo lavoro sulla modalità single player di “Mass Effect: Andromeda”: non ci saranno più patch e non ci saranno DLC con nuovi contenuti di storia. Fumetti e romanzi continueranno a espandere la storia della serie e continueranno a uscire nuove missioni e nuovi contenuti per il multiplayer di “Mass Effect: Andromeda”, ma questo annuncio è un nuovo indizio che suggerisce che per molto tempo non avremo nuove trame da giocare nell’universo di “Mass Effect”. E quando la serie sarà finalmente resuscitata da EA chissà in che direzioni andrà.

fonte BioWare