Fallout diventa un gioco di ruolo da tavolo

Bethesda e Fantasy Flight Games, compagnia che si occupa di giochi da tavolo, hanno annunciato un nuovo gioco basato sul mondo del videogioco di ruolo post-apocalittico “Fallout”. “Fallout: A Post-Nuclear Board Game” avrà un tabellone di gioco modulare a caselle esagonali (per la Zona Contaminata), pedine (per i personaggi dei giocatori) e mazzi di carte che simuleranno gli elementi ruolistici della serie originaria. Game Informer, che ha potuto provarlo, parla di un gioco di ruolo da tavolo con la possibilità di guadagnare esperienza, abilità e Tappi (la valuta dell’America posta-pocalittca), potenziare le statistiche S.P.E.C.I.A.L. (le statistiche dei personaggi di “Fallout”) e  colpire i nemici in parti diverse di loro corpi (un po’ come col sistema di puntamento S.P.A.V. del videogioco) a seconda del risultato dei tiri di dadi in combattimento. Sarà anche riproposto il sistema che gestisce la salute in “Fallout” con il rischio di essere uccisi dalle radiazioni quando il loro valore supera quello della Salute e di essere riportati alla casella di partenza (senza però perdere equipaggiamento ed esperienza).

Fallout A Post-Nuclear Board Game

La missione dei giocatori è quella di raccogliere “Influence”, “influenza”, facendo alleanze con le fazioni che controllano le aree di gioco (o scontrandosi con loro), trovando alleati, armi, armature e diventando più potenti. Ma anche le fazioni dell’area in cui si gioca partecipano alla gara diventando sempre più forti durante la partita man mano che i giocatori avanzano nelle missioni principali, e quando una fazione arriva al massimo possibile della sua potenza fa terminare la partita anche al costo di lasciarla senza vincitori. La parte più interessante è però quella lasciata alle carte, che propongono incontri e missioni offrendo diversi modi per risolverli e conseguenze per le scelte del giocatore. “A seconda della strada che prendete nuove carte numerate sono prese da una riserva e arrivano nel mazzo dal quale pescate per gli incontri seguenti cambiando potenzialmente l’intero corso dell’avventura sia per voi sia per gli altri giocatori. In un caso potreste scegliere di liberare dei Supermutanti dalla prigionia, facendo così arrivare degli incontri con Supermutanti nel mazzo da cui pescate […]” questo garantirebbe anche di avere sempre nuove occasioni e nuove variabili pure reincontrando eventi già visti in passato.

“Fallout: A Post-Nuclear Board Game” sarà giocabile da 1 (in solitaria) a 4 giocatori che potranno scegliere tra 5 diversi personaggi con diverse caratterizzazioni e abilità (potrò essere anche un Ghoul capace di curarsi con le radiazioni o un Supermutante), avrà partita da 2-3 ore, uscirà a fine 2017 a un prezzo che si aggirerà sui 60 dollari. Conterrà ambientazioni da “Fallout 3”, “Fallout 4” e dalle loro espansioni: la versione base del gioco avrà quattro campagne (“The Capital Wasteland”, “The Pitt”, “The Commonswealth” e “Far Harbor”) con le loro specifiche missioni, due fazioni e alcuni punti fissi nella mappa (mentre il resto dell’ambientazione sarà creato casualmente e in modo sempre diverso a ogni partita) e l’intenzione è probabilmente quella di aggiungere altre ambientazioni andando avanti con un sistema di espansioni.

Fallout A Post-Nuclear Board Game

“Fallout: A Post-Nuclear Board Game” non è neanche l’unico gioco da tavolo ispirato a “Fallout”, in quanto Modiphius Entertainment  ha annunciato nel 2017 un  gioco di combattimenti tra miniature basato, almeno dal punto di vista del design, su “Fallout 4”. “Fallout: Wasteland Warfare” sarebbe atteso per questa estate e dovrebbe quindi uscire tra pochissimo. Potete leggerne di più sul suo blog.

fonte Game Informer Fantasy Flight Games