Le notizie a pagamento arrivano anche su Facebook

Anche su Facebook arriveranno le notizie a pagamento. Lo ha confermato il numero uno del social network Mark Zuckerberg, parlando dell’importanza dell’informazione, specie nell’era del digitale. “Se sempre più persone leggono notizie su Facebook – scrive Zuckerberg – allora abbiamo la responsabilità di contribuire a far sì che tutti possano avere accesso e comprendere le cose che accadono”.

I social muovono quindi un passo in direzione dei giornalisti e dell’editoria, quasi a volersi ripulire da anni di fake news che proprio grazie a loro hanno preso il sopravvento, contribuendo a togliere valore e autorevolezza all’informazione.

Quella “seria”. Ecco quindi che Facebook implementerà la piattaforma Journalism Project, un software studiato ad hoc per permettere alle redazioni dei principali quotidiani di lavorare a stretto contatto con il social network più popolare al mondo.

Non è ancora molto chiaro come funzionerà il tutto, ma si sa che ci saranno degli abbonamenti per la fruizione di notizie fresche e che questi soldi saranno girati direttamente agli editori. La sperimentazione partirà in America e in Europa verso fine anno. Inoltre a partecipare non vi saranno solo giornalisti: Facebook annovererà tra i suoi partner anche ricercatori e università, perché è a loro che spetterà il compito di verificare l’attendibilità delle notizie pubblicate sui social.