Microsoft ha interrotto la produzione di Xbox One. Un anno fa

Probabilmente avete letto negli ultimi giorni la notizia della fine della produzione di Xbox One. La notizia ha iniziato a circolare dopo un articolo di Laura Kate Dale sulla versione inglese di Kotaku, dove lavora dopo aver lasciato Let’s Play Video Games da lei stessa creato insieme ad altri giornalisti e aver scritto alcuni importanti scoop come quello in cui per prima mise le mani sulla PlayStation 4 Slim (PlayStation 4 D Chassis).

Laura Kate Dale ha evidenziato come non fosse più possibile ordinare l’Xbox One originale dal negozio online di Microsoft, e questo è vero, ma è stato poi mal interpretato da qualche sito come Gamespot che hanno invece annunciato la fine della produzione. Il punto è, come dichiarato a Eurogamer dalla stessa Microsoft e come noto, che in realtà l’Xbox One non è più prodotta da ormai un anno, da quando in agosto scorso uscì Xbox One S. Come accade di solito (come è accaduto nel passaggio da PlayStation 4 a PlayStation 4 Slim per esempio) l’arrivo di un nuovo modello di una console con costo uguale ma magari prestazioni e design migliori blocca la produzione del modello precedente, a tutti gli effetti sostituito dalla novità.

Insomma, non mi sembrava neanche una gran notizia da dare, ma se siete interessati alla faccenda sapete ora che non è un fatto recente la fine della produzione di Xbox One e la sua sostituzione con Xbox One S, ma qualcosa che è avvenuto nel 2016. La fine di Xbox One, volendo, ha effettivamente un significato, perché segna la fine della produzione di console con entrata per il Kinect: sia Xbox One S sia Xbox One X hanno bisogno di un adattatore per far funzionare la telecamera di Microsoft e Xbox. Ma anche questa era più una notizia da dare un anno fa, quando ormai le console con porta per il Kinect cominciavano a essere a tutti gli effetti fondi di magazzino.