Swery65 presenta The Good Life: è Deadly Premonition ma con i gatti

Durante l’evento PAX West Hidetaka “Swery65” Suehiro presenterà il primo videogioco del suo nuovo studio indipendente White Owls, ma grazie a una mail proveniente dalla piattaforma di crowdfunding Fig abbiamo già molte informazioni sulla nuova opera del creatore di “Deadly Premonition” (2010) e dell’incompiuto “D4: Dark Dreams Don’t Die”. Il videogioco si intitola “The Good Life”, è un videogioco di ruolo e racconta di una fotografa, Naomi, e di una città dove tutti vengono trasformati in gatti durante la notte.

The Good Life di Swery65 su Fig

“Benvenuti a The Good Life. Il gioco è ambientato in Rainy Woods, che sostiene di essere la città più felice del mondo. Qui sarete Naomi, una fotografa proveniente da New York e bloccata in questa piccola città dell’Inghilterra rurale. Ha trovato un modo per ripagare l’enorme debito che ha accumulato, ma scopre presto che la città nasconde un segreto veramente bizzarro… Di notte, tutti i residenti della città diventano gatti. Perché accade? È per questo motivo che tutti in città son tanto felici? Nessuno sembra ricordare cosa fa durante la notte. Naomi è qui per scoprire che accade in Rainy Woods. E gli abitanti non sono gli unici che di notte si trasformano in gatti… anche Naomi lo può fare! Quando cala il sole potrete esplorare Rainy Woods e recuperare indizi e oggetti importanti connessi con gli eventi della storia. La città diventa molto diversa di notte, perché certi sentieri segreti, tetti e soffitte possono essere attraversati solo dai gatti.”

“Questo gioco” racconta Sewry “erediterà lo spirito di Deadly Premonition, la mia opera più rappresentativa, ma avrà anche un gameplay totalmente nuovo. È un videogioco investigativo basato un gioco di ruolo che segue la vita quotidiana dei suoi personaggi. Son sicuro che la città più felice del mondo e gli abitanti più bizzarri del mondo ruberanno il vostro cuore e vi immergeranno nella loro realtà.” La trama mi sembra in qualche modo collegata al romanzo scritto da Swery65, “Io non sono un gatto”, un racconto giallo ambietato nella campagna inglese e raccontato dal punto di vista di un felino (il titolo è ripreso da “Io sono un satto” di Natsume Sōseki). “The Good Life” sarà finanziato tramite Fig a partire dal 2 settembre 2017 dove Swery65 cercherà di recuperare 1,5 milioni di dollari (un obiettivo non irragiungibile su una piattaforma come Fig, pensata per attirare non solo utenti ma anche grandi investitori). Già che ci sono vi ricordo che, sempre su Fig, è attualmente ancora in corso la campagna di finanziamento di “Fantasy Strike”, nuovo picchiaduro di David Sirlin (“Super Street Fighter 2 Turbo HD Remix”) pensato per l’accessibilità.

fonte NeoGAF