Cyberpunk 2077 sarà quattro volte più grande di The Witcher 3 e dei suoi DLC messi insieme?

Leggere notizie di Cyberpunk 2077 è cosa rara di questi tempi. Lo è perché, mesi fa, gli stessi sviluppatori di CD Projekt RED annunciarono il rinvio a data da destinarsi del suo debutto, mettendo dunque fine a quei rumor che prevedevano l’uscita del nuovo action GDR entro l’anno o tutt’al più durante i primi mesi del 2018. Continuiamo a muoverci ancora nell’area dei rumor, anche se con qualcosa di molto più sostanzioso. In particolare, il materiale trafugato in queste ore da un leaker ignoto sarebbe appartenente a dei documenti riservati interni all’azienda e rivelerebbero alcuni punti chiave del nuovo progetto.

Come riporta un estratto del testo, Cyberpunk 2077 dovrebbe ambientarsi in un mondo di gioco quattro volte più grande di The Witcher 3 e relativi DLC messi insieme. Per ragionamento logico siamo portati a pensare che il documento faccia riferimento alle dimensioni della mappa, che già ai tempi dell’ultimo capitolo delle avventure di Geralt contava su un ambiente una volta e mezzo più grande della Los Santos di GTA V o, per fare un’ulteriore comparazione, oltre quasi quattro volte più grande della mappa di The Elder Scrolls V: Skyrim.

Ma non solo: sempre secondo il leak odierno, il mondo di Cyberpunk 2077 ospiterà anche delle aree distruttibili create con lo stesso sistema di cambio stagionale presente in The Witcher 3. Un rumor, quest’ultimo, che però coincide con quanto riportato nell’annuncio di lavoro pubblicato da CD Projekt RED per l’assunzione di un “Environmental Artist” per la realizzazione di ambienti futuristici che coinvolgono anche oggetti fisici e modelli distruttibili.

Vedremo quanto tutto ciò diventerà realtà ma le premesse per l’ennesimo capolavoro, come da standard CD Projekt, ci sono davvero tutte.

fonte SegmentNext