Square Enix minaccia ripercussioni se Final Fantasy 15 avrà nude mod

Square Enix vorrebbe inserire in “Final Fantasy 15: Windows Edition”, la versione PC di “Final Fantasy 15”, il supporto per le mod, una caratteristica mai stata presente nei “Final Fantasy” ma coerente con il nuovo corso della serie, che si avvicina al videogioco di ruolo d’azione e open-world di scuola più occidentale (pensate ai videogiochi di Bethesda e “The Witcher” come punti di riferimento). Non c’è ancora alcun annuncio ufficiale, e non è chiaro se “Final Fantasy 15: Windows Edition” avrà il supporto per Steam Workshop, e in generale per le mod, sin dal lancio, ma l’intenzione del direttore Hajime Tabata a riguardo è chiara.

Lasciare però agli utenti la libertà di modificare un gioco espone a dei rischi, alcuni semplicemente inevitabili: è inevitabile che prima o poi qualcuno realizzerà una nude mod, una modifica capace di spogliare i protagonisti (anche se Cidney è già tanto nuda che persino la parodia porno di “Final Fantasy 15” relizzata da Brazzers ha l’attrice che la interpreta più vestita del personaggio originale). Tabata non si è detto contento della possibilità ma ha specificato che, seppur starà agli utenti imporsi certi limiti, il suo intento è dare ai giocatori la possibilità di fare tutto quello che vogliono.

Parlando con PC Gamer durante la fiera PAX West, Tabata ha però aggiunto che se i limiti verranno superati ci saranno conseguenze sul futuro della serie di “Final Fantasy”. PC Gamer ha chiesto al direttore se Square Enix rinuncerà a supportare le mod nei “Final Fantasy” futuri se arriveranno nude mod in “Final Fantasy 15”, e Tabata ha sostanzialmente confermato che la dirigenza di Square Enix potrebbe decidere che ci siano davvero ripercussioni: “[accadrà] se le cose andranno un po’ oltre. Quindi se posso darvi un consiglio è di moderarvi quanto possibile”. Naturalmente, noi di Webtrek vi consigliamo di non moderarvi e di sconvolgere “Final Fantasy 15” il più possibile.

fonte PC Gamer
lascia un commento