Annunciati iPhone 8 e iPhone 8 Plus, l’evoluzione naturale della settima generazione

L’attesa per il keynote Apple era soprattutto riservata ai nuovi iPhone 8 e iPhone 8 Plus, melafonini già largamente anticipati nei giorni scorsi da vari rumor e voci di corridoio. L’annuncio ufficiale, senza troppe sorprese, è dunque arrivato in questi minuti dallo Steve Jobs Theater e ha presentato in anteprima quello che a tutti gli effetti è considerabile solo ed esclusivamente come un miglioramento prestazionale della settima generazione di iPhone. Poche, pochissime novità di design: il cambiamento risiede nell’hardware.

Il retro di iPhone 8 e iPhone 8 Plus presenta una copertura realizzata interamente in vetro ed una cornice in alluminio mentre per lo chassis interno sono stati sfruttati alternativamente acciaio e rame. Nessun cambiamento anche nelle grandezze dei display: 4.7″ per l’edizione standard e 5.5″ per la Plus, entrambe con tecnologia visiva True Tone.

iPhone 8 e iPhone 8 Plus saranno dotati del nuovissimo SoC Apple A11 Bionic con prestazioni migliorate del 30% rispetto alla scorsa generazione. Particolare attenzione è stata riposta sul comparto fotografico, ma con le dovute distinzioni tra la versione standard e la variante Plus del melafonino: tutto parte dall’integrazione di un chip ISP tutto nuovo che incrementa automaticamente la qualità delle immagini catturate con l’obiettivo e ne riduce l’eventuale manifestazione di rumore digitale. Il compimento dell’opera avviene però con iPhone 8 Plus, rigorosamente dotato di doppia fotocamera con apertura f/1.8 per il teleobiettivo e f/2.8 per il sensore grandangolare. Il risultato? Effetto bokeh più curato, quasi paragonabile a quello di una DSLR, e scatti fotografici di altissima qualità anche in condizioni di scarsa illuminazione.

Le novità in ambito fotografico vanno di pari passo alla componente software: qui ogni cattura è gestita dalla modalità ancora in versione beta denominata Portrait Lightning. Trattasi di una generazione di luce digitale che illumina il soggetto in primo piano indipendentemente dalle condizioni ambientali in cui è stata scattata la foto. Il sistema prevede un isolamento della persona inquadrata dal resto dello sfondo per migliorarne in seguito i tratti somatici ed i lineamenti più significativi. Un po’ come avere delle lampade a luce fioca ben piazzate, dunque, con la differenza, però, che tutto avviene digitalmente.

iPhone 8 e iPhone 8 Plus potranno girare video fino a 4K e 60fps e in Full HD a 240fps, coniugando così il binomio qualità/fluidità. Una tecnologia, questa, che permette di esplorare il settore dell’Augmented Reality in una maniera mai vista prima. I modelli poligonali generati da hardware e software vengono riportati sulla superficie reale con una modalità avanzata che elimina le fastidiose oscillazioni e qualsiasi altro problema di stabilità dell’immagine. Presente anche in questo caso la possibilità di fruire di contenuti in AR fino a 60 fotogrammi al secondo.

La presentazione dell’ottava generazione di melafonini si è conclusa con una rapida spiegazione del sistema di ricarica rapida senza fili funzionante con qualsiasi periferica di ricarica Qi disponibile sul mercato e, infine, con la comunicazione di prezzi e disponibilità: iPhone 8 con 64GB di memoria interna sarà pre-ordinabile a partire dal 15 settembre a partire da 699 dollari mentre iPhone 8 Plus, sempre con 64GB di memoria, a 799 dollari.

fonte Engadget