Pazzesco iPhone X, più performante del MacBook Pro 13″ nei primi benchmark

A 24 ore di distanza dal keynote Apple, come prevedibile è iPhone X ad aver catturato l’attenzione degli appassionati, molto più di 8 e 8 Plus. Poco da dire, nonostante prezzi mai visti prima alle nostre latitudini (da 1.189 a 1.359 euro, leggi qui per saperne di più), il “melafonino del decennale” ha davvero tutto per essere considerato un mini-computer.

Anzi, a dirla tutta i primi benchmark parlano di prestazioni che addirittura sono superiori a quelle registrate dal MacBook Pro da 13 pollici. Dati francamente incredibili e che vi riportiamo nelle tabelle in basso: se in single core i punteggi ottenuti sono praticamente identici, in multi-core la forbice si allarga con iPhone X che si stabilisce su 9959 punti contro gli 8869 del Macbook. Confronto che diventa quasi impietoso col Samsung Galaxy S8, doppiato in single-core e distanziato nettamente in multi-core.

E’ ovvio che i risultati dei benchmark non sono il Vangelo e che i dati dipendono da numerose varianti; è certo, però, che riescono comunque a dare un’indicazione di massima. E, nel caso di iPhone X, il nuovo processore A11 Bionic (che garantisce un’efficienza superiore del 70% e una maggior velocità – 25% – rispetto all’A10) gioca un ruolo fondamentale. Come, d’altronde, anche la GPU, ottimizzata tramite machine learning da Apple stessa e capace di consumare meno energia e di registrare un +30% sul piano della velocità rispetto alla versione precedente.

fonte Phonerena.com