Total War Warhammer 2 segna la sconfitta di Denuvo

Denuvo è un sistema Anti-Tamper (“anti-manomissione”), un sistema applicato a software (come videogiochi) per evitarne la riproduzione non autorizzata e quindi combattere la pirateria. Ne ho già parlato estesamente in un precedente articolo, spiegando come Denuvo si appoggi a sistemi DRM (Digital Rights Management), sistemi pensati per gestire e tutelare i diritti d’autore per opere digitali come quello presente su Steam, aggiungendo un ulteriore sistema di codici che vengono verificati online e sono legati all’hardware del singolo computer su cui il gioco viene registrato.

Denuvo, usato per la prima volta in “FIFA 13” (2012), ha per anni difeso i videogioci, nella prima parte dela loro vita, dai tentativi dei pirati. Lo scopo di Denuvo non è evitare che il gioco venga piratato in assoluto, una missione forse impossibile, ma rallentare l’azione dei pirati in modo che il gioco non sia già disponibile in una versione piratata almeno durante il suo periodo di lancio. Senza sistemi anti-pirateria, infatti, i giochi sarebbero già disponibili gratuitamente online nel giorno in cui vengono distribuiti e questo, secondo alcune compagnie, rappresenterebbe un danno economico troppo grave per essere sostenuto.

Col tempo però i pirati sono diventati sempre più abili nella violazione di Denuvo e il sistema, gioco dopo gioco, viene sconfitto sempre prima. A un certo, con “Resident Evil 7: Biohazard”, Denuvo iniziò a essere violato già durante la settimana del lancio, ma la situazione era ancora considerata gestibile, in quanto ancora il gioco era almeno protetto durante il Day-One. “TEKKEN 7”, il gioco più veloce a essere violato, fu reso disponibile comunque in quattro giorni. La situazione è cambiata con “Total War: Warhammer 2” di Creative Assembly e SEGA, gioco che è stato violato in un solo giorno, in circa dieci ore. Con questo salto di qualità l’utilità di Denuvo è definitivamente messa in dubbio e presto potremmo vederlo scomparire, magari a favore di nuovi sistemi Anti-Tamper. [AGGIORNAMENTO 1/10/2017] Successivamente anche “FIFA 18” di Electronic Arts è stato piratato in meno di un giorno nonostante fosse difeso dalla tecnologia Anti-Tamper di Denuvo. A dimostrazione di come oggi questo sistema non sembri più capace di espletare la sua principale funzione.

fonte DSOGaming