Internet Festival 2017: tutti gli eventi dedicati al videogioco

Questo fine settimana, da giovedì 5 ottobre a domenica 8 ottobre 2017, si terrà a Pisa l’annuale Internet Festival con eventi sul mondo digitale, la tecnologia e il videogioco. Potete leggere qui una mia selezione dei più interessanti incontri dell’Internet Festival 2017, con la follia de “L’Orlando Furioso” applicata a come sfoghiamo le nostre passioni su internet (con partecipazione di Peppe Servillo), show cooking, proiezioni cinematografiche, spettacoli teatrali, interventi di Emergency e cicli di incontri su sicurezza (pubblica e privata) online, diritto d’autore digitale e altro ancora. Un’area del festival, intitolata “GameBox”, sarà però interamente dedicata al videogioco.

GameBox è in parte organizzata in collaborazione con il festival e l’organizzazione Game Happens (di cui potete scoprire di più in questa nostra intervista alla co-fondatrice Marina Rossi) e abbiamo già presentato in un apposito articolo tutti gli eventi di Game Happens a Internet Festival, eventi che seguono il tema del festival stesso, #sentiment. Game Happens porterà a Pisa anche un ricco showcase con videogiochi indipendenti da tutto il mondo. Abbiamo già parlato, e trovate tutte le informazioni cliccando qui, anche della Kids Game Jam che sarà organizzata durante l’Internet Festival, un laboratorio di videogioco gratuito (come tutti gli eventi del festival) e pensato per bambini e ragazzini.

Gli eventi di GameBox di svolgono a MixArt, in via Giovanni Bovio 11, vicino all’Arno e raggiungibile a piedi dalla stazione ferroviaria di Pisa Centrale. Vi consiglio di ricontrollare sul sito ufficiale orari e luoghi degli incontri che vi interessano, in modo da assicurarvi che non ci siano stati cambiamenti nella programmazione rispetto a quanto ho scritto io. Gli eventi di GameBox inizieranno venerdì 6 ottobre con il primo incontro tra quelli organizzati da Game Happens, “Questa pagina è stata cancellata” con Annamaria Andrea Vitali, ma vi rimando all’approfondimento apposito per il ciclo di incontri di Game Happens e qui mi concentrerà sugli altri.

Alle undici di mattina di venerdì 6 ottobre Dario D’Ambra presenta nella Sala Performance di MixArt “Strange Love”. Abbiamo incontrato varie volte D’Ambra qui su Webtrek, in quanto è l’autore del videogioco di prossima uscita “Don’t Make Love”, un videogioco che simula la conversazione tra due mantidi religiose che devono decidere se far sesso (con il rischio che la femmina divori alla fine il maschio). È un gioco che non si basa su risposte multiple e dà al giocatore la possibilità di scrivere liberamente cosa vorrebbe dire al partner mantide, riconoscendo le frasi e reagendo in maniera coerente a quanto scritto. In questo incontro D’Ambra spiegherà le tecniche narrative e di scrittura usata per ottenere la collaborazione del giocatore e per far riuscire questo complesso ma delicato sistema per creare una conversazione emotivamente significativa. Siccome D’Ambra mi ha già raccontato un po’ di queste cose in passato e so che è interessantissimo discuterne vi consiglio davvero di partecipare all’incontro.

A mezzogiorno, nella Sala Relax di MixArt, Francesto Toniolo presenta “Videogiochi e nostalgia”. Toniolo è un piacevole oratore e autore di un libro che consiglio a tutti gli appassionati di “Dark Souls”: “Queste anime oscure”, un saggio sui rapporti tra i temi dei “Dark Souls” e di “Bloodborne” con la letteratura. Saggio che appena avuto un seguito, intitolato “Le nuove anime oscure”. Questo suo primo incontro all’interno dell’Internet Festival racconterà la nostalgia nel videogioco non solo come bisogno di tornare ai videogiochi del passato ma nei suoi effetti sulla struttura narrativa dei videogiochi, soprattutto all’interno del fantasy.

Alle tre del pomeriggio, nella Sala Arena di MixArt, Giacomo Guccinelli e Ivan Venturi presentano “Pride Run: il videogioco del Pride LGBT”. “Pride Run” di Pride Entertainment, IV Productions e Steam Factory è un videogioco di strategia in tempo reale e musicale in cui dovrò guidare il corteo del Pride attraverso le sue varie città, da San Francisco a Pisa (dove avvenne il primo Pride italiano nel 1979) sfruttando le diverse abilità degli svariati gruppi di personaggi che compongono la parata per superare ostacoli e sconfiggere i nemici che vogliono bloccare la manifestazione.

Sempre alle tre del pomeriggio, ma in Sala Performance, torna Dario D’Ambra con il laboratorio “Metafore in gioco”, uno workshop sui videogiochi fatti non per divertire ma per raccontare emozioni o trasmettere messaggi. Durante il laboratorio saranno identificate le caratteristiche di queste opere e le loro meccaniche e i principi scoperti saranno applicati per creare dei prototipi.

Alle quattro e mezzo, in Sala Arena, Stefano Cecere (che poi guiderà la Kids Game Jam) presenterà “Do NPC Dream of Electric Sheep?”. Stefano è un game designer, un ricercatore un musicista e un attivista che si è sempre interessato all’informatica multimediale e alla musica digitale concentrandosi sull’impatto sociale di queste discipline.

Alle cinque del pomeriggio torna Francesco Toniolo con “Youtubers: nuovi sentimenti per nuovi video”, in Sala Performance. Cosa fa tanto affezionare gli utenti agli youtuber? Si tratta solo del tipico attaccamento del fan verso la star, e in questo caso lo youtuber sarebbe solo “una stella dell’web”, o questo fenomeno ha dei caratteri di novità? L’incontro discuterà di ciò, concentrandosi soprattutto sugli YouTuber dediti ai videogiochi.

Alle cinque e mezzo Stefano Cecere presenta lo showcase “Mozilla & Firefox 57: le nuove frontiere del web e del gaming opensource” in Sala Relax. Cecere presenterà in anteprima la nuova release di Firefox, la 57, testandola con una serie di videogiochi web d’avanguardia e raccontando gli strumenti usati per svilupparli e dando indicazioni su come iniziare a sfruttarli.

Alle sei del pomeriggio, in Sala Performance, Gianluca Caputo (Shockdom) presenta “Timed il gioco: crossmedialità e realtà aumentata”. L’incontro tratterà di “Timed”, nuova serie a fumetti della casa editrice Shockdom unita a un omonimo videogioco in Realtà Aumentata sviluppato da Joinpad (di cui Shockdom è in parte proprietaria). Durante Internet Festival sarà anche possibile scaricare su dispositivi mobili Android e iOS “Timed”, in anteprima, e provarne il gameplay.

Sabato 7 ottobre, mentre continuano gli eventi di Game Happens, Pietro Polsinelli presenta a mezzogiorno, in Sala Relx di MixAret, “Crowd-sfruttato e sottopagato”, un incontro su giochi da tavolo, cooperazione e sfruttamento della folla… da quanto capisco, qualcosa che varrà la pena seguire insomma!

Intanto, da venerdì alle sei di sera a domenica alle sette di sera si svolgerà la tradizionale IF Game Jam, una gara di sviluppo di videogiochi per game designer, programmatori, grafici e compositori. In quaranta ore i partecipanti dovranno creare squadre e ideare e realizzare insieme un videogioco. I giochi creati verranno poi presentati al pubblico domenica 8 ottobre da mezzogiorno alle due.

Per finire, vi segnalo alcune interessanti installazioni artistiche che confinano un po’ con il videogioco: “Sinestesie Virtuali. Alla ricerca dell’affettività del codice” a cura di Lucio Campani e Stefani Grillo (da venerdì a domenica dalle nove di mattina alla sette di sera a MixArt), che ha una descrizione abbastanza assurda di cui non ho capito niente ma mi ha incuriosito, e “The Ogre Coaster” di The Virtual Lab (da venerdì a domenica dalle nove di mattina alle sette di sera sempre a MixArt), un giro virtuale su montagne altrettanto russe virtuali.