Total War Warhammer 2 ha difficoltà nello sviluppo di Imperi dei mortali

Creative Assembly ha pubblicato sul suo blog un post, dalla franchezza sconcertante, sulle difficoltà incontrate durante lo sviluppo della grande campagna, “Imperi dei mortali”, che unisce e somma “Total War: Warhammer” a “Total War: Warhammer 2”. Invece di nascondere i problemi lo studio ha deciso di parlarne con sincerità ai videogiocatori, spiegando cosa sia successo, cosa sia andato storto e accennando al futuro dello studio.

Il post dà voce a Rob Bartholomew, direttore del marchio “Total War”, e Mike Simpson, direttore creativo. “Continuiamo a lavorare su Warhammer 2. Imperi dei mortali non ha funzionato bene a tutti i giocatori, non come avrebbe dovuto almeno, e pensiamo che vi dobbiamo qualche spiegazione”. I problemi non riguardano solo la versione attuale di “Total War: Warhammer 2”, ma hanno anche rallentato l’implementazione dei contenuti dal DLC “Norsca” di “Total War: Warhammer”.

La verità è che stavolta la abbiamo proprio scazzata. Eravamo diventati così bravi a dividere e unire le build del gioco che ci eravamo convinti di essere ormai maestri nel farlo. Unire due bild è facile quando le cose che sono cambiate in un ramo della build non coincidono con le cose che sono cambiate nell’altro [cioè, quando due build sono due versioni diverse, aggiorante, della stessa build di partenza, ma aggiornano parti diverse del gioco, in questo caso è facile prenderle e creare una nuova build unica che sommi le loro novità]. Ma diventa più complicato se i cambiamenti si sovrappongono… devi nella maggior parte dei casi intervenire per scegliere quale delle due versioni è quella giusta. E le difficoltà nell’unire le build aumenta esponenzialmente all’aumentare del tempo che le build hanno passato divise, perché questo aumenta il rischio di cambiamenti conflittuali. Avevamo pianificato di prendere i contenuti di Norsca da Warhammer 1, insieme ad altri miglioramenti del gioco, e metterli in Warhammer 2. Siccome il contenuto di Norsca non esisteva proprio in Warhammer 2, anche se era passato molto tempo [cioè anche se la versione del gioco legata ai contenuti di Norsca è molto diversa da quella di Warhammer 2, e come veniva spiegato prima questo aumenta la possibilità di cambiamenti conflittuali] pensavamo che la fusione sarebbe stata facile e rapida. C’era un piccolo problema con questo piano, un problema che con più attenzione avremmo potuto scoprire. Avevamo fatto una stronzata. Anche se i dati dei giochi non avevano conflitti, i miglioramenti fatti all’infrastruttura di Warhammer 2 voleva dire che il sistema in cui quei dati dovevano essere inseriti era cambiato in modo significativo. Volevamo anche rendere Norsca davvero interessante, unica da giocare, e quindi ci trovammo a dover riscrivere su misura più codice di Norsca di quanto inizialmente pensavamo.”

Alla fine Creative Assembly ha deciso che il contenuto di Norsca, invece che essere spostato da “Total War: Warhammer” a “Total War: Warhammer 2”, sarà completamente riscritto in “Total War: Warhammer 2”, un procedimento ancora più lento deciso dopo mesi persi nel tentativo di implementare il DLC nel gioco. Il post delinea poi un calendario dei prossimi aggiornamenti per “Total War: Warhammer 2”: a dicembre arriverà anche una nuova modalità di gioco “molto sperimentale” e il DLC per la campagna arriverà a gennaio 2018 e non nel 2017 come precedentemente annunciato. E c’è un breve accenno anche ai prossimi videogiochi storici di Creative Assembly: sono già stati annunciati un DLC per “Total War: Rome 2” e il primo episodio della collana storica “Total War: Saga”, ma lo studio sta anche lavorando (come accennato in passato) a un nuovo “Total War” storico e completamente nuovo.

fonte Creative Assembly