Samsung Galaxy Note 9 non avrà il sensore di impronte digitali integrato nel display

Niente da fare. Anche il futuro Samsung Galaxy Note 9 non avrà il sensore di impronte digitali integrato nel display. Secondo una nuova indiscrezione di oggi, infatti, la casa coreana avrebbe sospeso lo sviluppo di questo componente per il suo futuro top di gamma, rimandando di un altro anno il debutto della tecnologia (in sviluppo da circa 2 anni).

I primi report sulla questione evidenziano come Samsung avrebbe bisogno ancora di circa 4 mesi di lavoro per poter raggiungere un livello di efficienza soddisfacente per il sensore integrato nel display del futuro Samsung Galaxy Note 9. Di fatto, quindi, non ci sarebbero i tempi necessari per poter completare il progetto visto che i pannelli del Note 9 entreranno in produzione nel corso del prossimo mese di giugno in vista del debutto dello smartphone sul finire della prossima estate.

Il nuovo Samsung Galaxy Note 9, quindi, potrà contare, come i prossimi Galaxy S9 e S9 Plus, sul sensore di impronte digitali posteriore, collocato al di sotto delle fotocamere. E’ chiaro, in ogni caso, che per ulteriori dettagli sul futuro top di gamma di Samsung sarà necessario attendere ancora diversi mesi.

Per ora, infatti, tutta l’attenzione è concentrata sul debutto dei nuovi S9 e S9 Plus che, come sottolineato in più occasioni, debutteranno in via ufficiale il prossimo 25 febbraio, a margine dell’apertura del Mobile World Congress.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.