Apple cerca un partner AI per Apple Intelligence in Cina

Con iOS 18 , Apple sta lavorando con OpenAI per integrare ChatGPT nell’iPhone , dove ChatGPT lavorerà insieme a Siri per gestire le richieste di contenuti generati dall’intelligenza artificiale. ChatGPT e altri servizi AI simili non sono disponibili in Cina, quindi Apple deve trovare un’alternativa.

Apple è attivamente alla ricerca di un’azienda cinese con cui collaborare per le sue funzionalità di intelligenza artificiale in Cina, riporta il Wall Street Journal . Apple ha tenuto colloqui con Baidu, Alibaba Group e la startup di Pechino Baichuan AI, ma non è emerso alcun accordo.

Le funzionalità di Apple Intelligence saranno limitate a un numero sempre più limitato di clienti quando ‌iOS 18‌, iPadOS 18 e macOS Sequoia verranno lanciati questo autunno. Apple ha affermato oggi che non porterà queste funzionalità nei paesi dell’Unione Europea e, senza un accordo con una società cinese di intelligenza artificiale, anche la Cina potrebbe essere fuori.

La Cina richiede alle aziende di ottenere l’approvazione del governo prima di lanciare chatbot basati su modelli linguistici di grandi dimensioni e, ad oggi, non ha approvato alcun prodotto di intelligenza artificiale sviluppato al di fuori del paese. Apple ha esaminato la possibilità di ottenere l’approvazione per il proprio ampio modello linguistico, ma ha scoperto che le autorità di regolamentazione cinesi difficilmente lo consentirebbero. Per portare le funzionalità di Apple Intelligence in Cina, Apple deve firmare un accordo con una società cinese di intelligenza artificiale.

Non è chiaro se Apple avrà il tempo di preparare una versione cinese di Apple Intelligence per settembre, anche se riuscisse a ottenere un accordo nel prossimo futuro, quindi è probabile che Apple Intelligence non arrivi in ​​Cina fino a una data successiva. Anche se Apple riuscisse a realizzarlo, Apple Intelligence sarà disponibile solo in inglese americano al momento del lancio, con il supporto per altre lingue in arrivo nel 2025.

Secondo il Wall Street Journal , Apple è in ritardo rispetto alle aziende concorrenti di smartphone in Cina perché le funzionalità AI sono già disponibili sui dispositivi dei marchi cinesi più venduti come Vivo, Huawei, Xiaomi e Honor. Anche Samsung ha uno smartphone con integrazioni AI in Cina, poiché ha collaborato con Baidu e Meitu.

Nota: a causa della natura politica o sociale della discussione su questo argomento, il thread di discussione si trova nel nostro forum di notizie politiche . Tutti i membri del forum e i visitatori del sito sono invitati a leggere e seguire il thread, ma la pubblicazione è limitata ai membri del forum con almeno 100 post.

VIA

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.