iPhone 8, il riconoscimento facciale arriverà anche in posizione di “riposo”?

Arrivano ancora dal firmware dell’HomePod (che Apple dovrebbe lanciare in tempo per lo shopping natalizio) sul riconoscimento facciale che farà la sua comparsa sul prossimo iPhone 8. La scorsa settimana erano già state “scoperte” alcune righe di codice che suggerivano un utilizzo del Face ID che andrà oltre la mera funzione di sblocco, con la possibilità di integrarlo con Apple Pay.

Oggi, però, si parla di accessibilità e facilità d’uso di un meccanismo che, secondo alcuni, potrebbe essere già pronto a sostituire il Touch ID in tutte le sue funzioni. In particolare è la procedura di sblocco a “preoccupare” di più gli utenti della mela. Apple riuscirà a rendere istantaneo, immediato e semplice il riconoscimento facciale anche in situazioni non “classiche”? Il riferimento è quello ad un dispositivo in posizione di riposo, ad esempio su un tavolo: se col touch ID bastava solo appoggiare il dito sul sensore, come si comporterà la fotocamera 3D se il volto non sarà esattamente a tiro? La stringa com.apple.accessibility.resting.pearl.unlock secondo alcuni sviluppatori potrebbe essere una sorta di risposta positiva a questo dilemma, ma ci sarà comunque da aspettare l’evento di presentazione di iPhone 8 per avere maggiori info.

Quello che appare certo è che Apple fornirà le API del Face ID a sviluppatori di terze parti per le proprie applicazioni, così come sta prendendo corpo anche la possibilità di dotare il melafonino del decennale di una sorta di blocco automatico quando il device non rileva alcun volto di fronte a sé.

fonte Slashgear