Vi è mai capitato di essere in viaggio all’estero e di dimenticarvi di disattivare il roaming dati, ritrovandovi così a pagare un ingente somma di denaro? È arrivata un’applicazione Android creata apposta per ridurre, o addirittura azzerare, i costi di roaming all’estero: CrowdRoaming.

L’app per Android, basata sulla condivisione e sul concetto di “community”, azzera i costi di roaming e risponde alle esigenze dei viaggiatori del nuovo millennio

È così che si presenta CrowdRoaming, la nuova app ideata per azzerare i costi di roaming mediante la condivisione del traffico dati inutilizzato da parte degli utenti. Installando l’applicazione sul proprio smartphone sarà possibile condividere una piccola parte del proprio traffico dati inutilizzato per metterlo a disposizione dei turisti, i quali si ritroveranno a spendere meno per il roaming dati, ma allo stesso tempo chi installa CrowdRoaming potrà ridurre le proprie spese per il roaming all’estero dato che l’applicazione effettua in background delle ricerche per individuare coloro che utilizzano CrowdRoaming e di conseguenza mettono a disposizione la propria rete dati.

Potete scaricare CrowdRoaming gratuitamente dal Google Play Store:


Get it on Google Play

Vi lasciamo con il comunicato stampa ed un video introduttivo a CrowdRoaming:

Internet gratis anche in viaggio? Con CrowdRoaming si può!

L’app per Android, basata sulla condivisione e sul concetto di “community”, azzera i costi di roaming e risponde alle esigenze dei viaggiatori del nuovo millennio

MILANO, 1 luglio 2013 – Condividere le foto delle proprie vacanze, chattare su WhatsApp, aggiornarsi su quello che succede nel mondo, trovare informazioni e itinerari per il proprio viaggio: anche durante le vacanze tantissime persone navigano su Internet dal proprio smartphone. Quanti però lo fanno dall’estero, vanno incontro ad alti costi per il roaming, che derivano dell’accesso a un network internazionale con la propria scheda SIM. La nuova app per Android CrowdRoaming, che da oggi potrà essere scaricata da Google Play, offre però una soluzione: questa applicazione consente a chi naviga da smartphone di condividere una porzione della propria connettività dati inutilizzata con i turisti che visitano la loro città.

Oggi gli italiani che accedono a internet da dispositivi mobili sono oltre 17 milioni1, e questi utenti sono spesso collegati in ogni momento della giornata e vogliono poterlo fare anche all’estero. Sfortunatamente, però, questo significa pagare per il roaming. Recentemente il Parlamento Europeo ha proposto l’abolizione di questi costi, da attuarsi prima del 2015: CrowdRoaming risolve già questo problema, consentendo a quanti utilizzeranno l’app di mettere a disposizione dei turisti che visiteranno il loro Paese una parte di dati mobili per connettersi facilmente, gratuitamente e in tutta sicurezza. In cambio, gli utenti potranno ottenere gli stessi vantaggi durante i propri viaggi all’estero. Per fruire di questo servizio è sufficiente scaricare l’app CrowdRoaming, che cerca automaticamente smartphone ai quali collegarsi durante l’esecuzione in background.

Oltre che per evitare alti costi di roaming, l’app nasce anche per rispondere a una tendenza generata dall’attuale situazione economica, la cosiddetta “economia della condivisione”. “La condivisione è oggi quello che una volta era il possesso, e la popolarità di servizi come Couchsurfing o Airbnb è ìn continua crescita. Con CrowdRoaming, gli utenti non solo evitano costi molto elevati ma fanno anche un favore ad altre persone”, ha dichiarato Homayun Zahidi, CEO di CrowdRoaming.com. “Con CrowdRoaming volevamo unire la filosofia della condivisione con la nuova tecnologia mobile, e siamo molto orgogliosi del risultato”.

CrowdRoaming è la prima app che risolve gli alti costi di roaming utilizzando unicamente un software che trasforma uno smartphone in un hotspot mobile pubblico. “In futuro, la tecnologia consentirà di sviluppare altri servizi P2P per il mondo mobile”, ha spiegato Homayun Zahidi. “Gli smartphone con CrowdRoaming possono comportarsi, per esempio, come hotspot per tablet o PC che abbiano difficoltà di collegamento. Inoltre, questa tecnologia può essere utilizzata per connettersi in tutta sicurezza al router che abbiamo in casa, o per offrire un accesso a Internet facile e sicuro a quanti visitano la nostra città, ad esempio, per un evento”.

CrowdRoaming per Android arriva oggi su Google Play.

ATTENZIONE - STAI CERCANDO UN BELLISSIMO REGALO DI NATALE? NON PERDERTI LE INCREDIBILI OFFERTE PROPOSTE DA AMAZON!!! SCOPRILE IMMEDIATAMENTE!!! [CLICCA QUI]

  • suoko

    come funziona non si capisce bene. Con i dual sim il problema non esiste più cmq

    • AndreaOdone

      ciao Suoko,

      Intanto ne approfitto per ringraziarti di averci commentato! In secondo luogo ti posso dire che purtroppo noi non abbiamo avuto modo di testare personalmente l’app e quindi per qualsiasi domanda ti consigliamo di contattare direttamente lo sviluppatore, eccoti la loro mail: info@crowdroaming.com

      Un saluto e torna a trovarci 😉

      • suoko

        Se fosse possibile realmente offrire una connessione mobile ad altri senza bisogno di wifi sarebbe ottimo ma al momento l’hspa/lte sembra in mani diverse da quelle che gestiscono il mondo wifi