Google vuole investire in Italia, ma con la banda larga

Eric Schmidt, executive chairman di Google, ha parlato al Big Tent di Roma circa le intenzioni del colosso statunitense nei confronti del nostro paese. È emerso come Google sia particolarmente interessata a investire in Italia, con l’intento di accompagnare il Made in Italy alla conquista digitale. Ma, avverte, serve la banda larga veloce.

Schmidt è stato subito piuttosto chiaro nel corso del suo intervento: l’interesse da parte di Google volto a investimenti grossi in Italia è chiaro, ma deve arrivare un aiuto dal governo che deve finalmente essere in grado di garantire che la banda larga veloce sia accessibile ovunque. Secondo l’esecutivo Google è importantissimo, perché permetterebbe di dare slancio e vigore al nostro paese.

In tal senso, si è soffermato sulle potenzialità del sistema economico italiano su internet, sulla carta assolutamente vincente, sulla pratica praticamente non sfruttato. Questo perché l’Italia, secondo Schmidt, è un brand fatto di prodotti, stile di vita, cultura e luoghi che nessun altro al mondo può vantare e ciò viene riconosciuto e ricercato all’estero.

Il capo di Google si è infine soffermato anche sulla disoccupazione giovanile, spiegando che proprio in un paese con il 40% di giovani senza lavoro si dovrebbero trovare soluzioni che aiutino a far crescere il fatturato delle imprese, il PIL del paese e al contempo favorire il talento dei giovani. Ecco perché Google vuole investire in Italia. Ecco perché il governo deve muoversi e garantire presto una banda larga veloce ovunque.