Dopo Samsung  e la sgradevole vicenda dei benchmark “pompati” con AnTuTu , noto software per il calcolo e la misura delle prestazioni dei device, smartphone o tablet che siano, anche HTC cade nello stesso errore e inganna i consumatori. E lo fa con la versione cinese del nuovo One M8, che si differenzia dalla nostra versione occidentale per il clock del processore: Infatti sono entrambi dotati di processore Qualcomm Snapdragon 801, ma quello destinato al mercato asiatico ha un clock pari a 2,5 GHz, mentre la nostra versione 2.3 GHz.

Ebbene, grazie ad una “spintarella”, la versione cinese di One M8 sbaraglia la concorrenza su AnTuTu totalizzando un punteggio elevato, frutto di un inganno. I concorrenti sono Samsung Galaxy S5, LG G Pro 2 e Sony Xperia Z 2, e i test sono stati effettuati su due versioni di AnTuTu: la versione 4, standard, e la versione X, che è una versione studiata appositamente per evitare che gli smartphone ingannino i test.

Paragonando i risultati ottenuti dai medesimi device in entrambi i test, notiamo una differenza di punteggio per quanto riguarda One M8: nel primo caso, con AnTuTu 4, realizza un punteggio pari a 38815, mentre con AnTuTu “soltanto” 27171. Di seguito l’infografica che avvalora e mostra quanto detto:

HTC-One-M8-Benchmark-Risultati-620x390

Ovviamente i benchmark vanno sempre presi con la dovuta cautela, perché non mostrano quanto effettivamente possa valere uno smartphone nell’utilizzo quotidiano; sono meri misuratori di prestazioni in termini di freddi numeri. Infatti, nonostante HTC One M8 abbia totalizzato un punteggio inferiore alla concorrenza, non significa che non sia altrettanto potente. Abbiamo avuto di appurare anzi tutto il contrario, classificandolo come lo smartphone (o uno degli smartphone) più veloci dotati di Android.

Non si bara HTC!

Via

ATTENZIONE - STAI CERCANDO UN BELLISSIMO REGALO DI NATALE? NON PERDERTI LE INCREDIBILI OFFERTE PROPOSTE DA AMAZON!!! SCOPRILE IMMEDIATAMENTE!!! [CLICCA QUI]