Probabilmente il detto che dice di “non acquistare a scatola chiusa” ha una sua ragion d’essere, ma nella gran parte dei casi è praticamente impossibile spacchettare prima e pagare poi.

Lo sa bene un utente statunitense che dopo aver acquistato la sua PlayStation 4 presso la nota catena di negozi Walmart, si è visto spegnere d’entusiasmo quando il pacco gli è stato recapitato a casa: già perchè al posto dell’agognata console, il povero ragazzo si è ritrovato in mano nient’altro che una scatola piena di sassi! Segnalato l’accaduto, il rivenditore si è peraltro rifiutato di procedere col rimborso asserendo che l’utente avrebbe inscenato una truffa per ritrovarsi con una console Sony acquistata in via del tutto gratuita.

Il caso è tuttavia stato portato alla ribalta tramite un canale televisivo statunitense, ed è proprio questa pubblicizzazione su larga scala che ha indotto il rivenditore a chiudere un occhio sul suo scetticismo e procedere al rimborso della somma.

Ma la storia è piuttosto ricca di eventi molto simili a questo: oltre quelli che hanno interessato la stessa Sony, in molti altri casi l’oggetto del contendere è stato un altro apparecchio non necessariamente legato al comparto console. A fatto accaduto è alquanto difficile riuscire a stabilire da quale parte risieda la ragione, anche se viene naturale chiedersi come sia possibile (qualora fosse vero) che in una scatola possano finirci sassi anziché il reale oggetto dell’acquisto.

via

ATTENZIONE - STAI CERCANDO UN BELLISSIMO REGALO DI NATALE? NON PERDERTI LE INCREDIBILI OFFERTE PROPOSTE DA AMAZON!!! SCOPRILE IMMEDIATAMENTE!!! [CLICCA QUI]