News, guide su tecnologia (Android, Windows, iOS), Games e SocialMedia

Xbox Game Pass è una libreria su abbonamento con oltre 100 giochi Xbox One e 360

Davvero a sorpresa, oggi Microsoft ha annunciato un nuovo servizio su abbonamento per Xbox One: “Xbox Game Pass”. Per $9,99 (che diventeranno probabilmente €9,99) mensili Xbox Game Pass dà l’accesso a una libreria di “oltre 100 videogiochi per Xbox One e videogiochi retro-compatibili”, cioè giochi per Xbox 360 inseriti nel programma di retro-compatibilità per Xbox One. Sarà possibile proprio scaricarli, non semplicemente giocarli in streaming come viene fatto su PlayStation Now (che non è ancora disponibile in Italia comunque).

La libreria per ora confermata include sia giochi Microsoft sia giochi di terze parti come 2K, 505 Games, Bandai Namco, Capcom, Codemasters, Deep Silver, Focus Home Interactive, SEGA, SNK, THQ Nordic e Warner Bros. e giochi come “NBA 2K16”, “Halo 5: Guardians”, “Terraria”, “Payday 2”, “Gears of War”, “Fable 3” e “Tekken Tag Tournament 2”. Potete veddere i titoli per ora annunciati nell’immagine in apertura dell’articolo. Gli abbonati a Xbox Game Pass avranno un 20% di sconto sull’acquisto dei giochi del catalogo e un 10% di sconto sui contenuti scaricabili (pare che Microsoft preveda una rotazione del catalogo di Xbox Game Pass e quindi i giochi non saranno tutti disponibili per sempre) e non sarà necessario essere abbonati a Xbox Live Gold per sfruttare Xbox Game Pass, anche se l’abbonamento premium all’online Microsoft sarà obbligatorio (come sempre) per giocare in multiplayer.

Considerate che su Xbox One è già disponibile anche un equivalente servizio di Electronic Arts, EA Access: il diffondersi di simili servizi su abbonamento, simili a un Netflix del videogioco, chiarisce bene come sia cambiato il mondo dei videogiochi, non più opere da possedere anche fisicamente ma sempre più servizi a cui abbonarsi digitalmente. Xbox Game Pass arriverà “più tardi durante la primavera del 2017“, cioè prima o poi entro giugno ed è interessante notare che Microsoft specifichi che sarà disponibile anche sui dispositivi Windows 10.