Spotify sta testando una versione Hi-Fi del proprio servizio

Spotify sta vivendo un momento di ripresa ed espansione, assai recente è infatti il traguardo dei 50 milioni di abbonati. Adesso tra gli obiettivi dell’azienda vi è quello di rispondere alla minacciosa Tidal che è in forte crescita e che offre una qualità audio davvero elevata. A tal proposito infatti Spotify sta iniziando a provare in beta una versione Hi-Fi del proprio servizio. Non vi dovrebbe essere più perdita di qualità audio rispetto alla qualità di un CD.

Diversi utenti hanno ricevuto un invito a fare l’upgrade del servizio con una spesa compresa tra 5 e 10 dollari extra al mese rispetto al prezzo dell’abbonamento premium che è già di 10 dollari. Ma sul punto di attivare compare la dicitura che il servizio non è ancora disponibile nella vostra area. Al momento il pacchetto premium di Spotify offre musica in streaming fino alla qualità di 320 Kbps. Ma con questo nuovo servizio la qualità dovrebbe essere al pari di un CD musicale senza compressione dati, quindi 1411 Kbps.

Verrebbe eguagliata la qualità di Tidal, che lavora con musica in formato FLAC. Spotify lavora invece in formato OGG Vorbis che è comunque un formato che potrebbe ospitare anche FLAC. In questo modo Spotify confermerebbe il proprio primato nel settore, conservando il vantaggio in qualità rispetto ad Apple Music e offrendo un catalogo assai più vasto e alla stessa qualità di Tidal.

via