Ecco perché iPhone 8 potrebbe non supportare le reti gigabit LTE

Spesso accade che l’altissima richiesta di alcuni componenti hardware per smartphone costringa l’azienda principale a ripiegare su componentistiche o produttori equivalenti. È il caso di Samsung Galaxy S8, il device che per diversi mesi ha letteralmente monopolizzato il mercato dei chip Snapdragon 835 e che per alcuni mercati selezionati (tra cui l’Italia) ha sfruttato come alternativa il SoC Exynos 8895. Di simile eventualità potrebbe essere anche la casistica che verrà a crearsi con le schede di rete dell’iPhone 8: secondo un report di Bloomberg, Apple potrebbe essere costretta a rinunciare alla compatibilità con le reti gigabit LTE per una limitazione indirettamente causata da Intel.

Entriamo più nello specifico: attualmente la casa di Cupertino sfrutta sia Qualcomm che Intel come fornitori di chip modem. L’unico inconveniente, tuttavia, è rappresentato dal fatto che solo i componenti Qualcomm riescono a raggiungere la velocità del gigabit in download; Intel, in questa ottica di svantaggio, potrebbe riuscire a produrre modem con velocità nell’ordine dei gigabit solo dopo il lancio di iPhone 8. Nel tentativo di pareggiare le prestazioni tra i due chip che verranno integrati in egual misura nel prossimo melafonino, Apple sarà messa nella condizione di dover necessariamente limitare le prestazioni dei Qualcomm.

Dall’altra parte, dispositivi come Samsung Galaxy S8 ed S8 Plus, mossi come risaputo dal SoC Snapdragon 835, sono già equipaggiati con sistemi compatibili con reti gigabit LTE. Considerando che anche il futuro Note 8 integrerà senza ombra di dubbio una tecnologia addirittura superiore, la posizione di Apple potrebbe radicalmente risentire di questa concorrenza.

La domanda sorge dunque spontanea: come mai Apple non utilizza solo chip Qualcomm? Semplicemente perché tra le due aziende è ancora in corso una causa portata avanti nei mesi scorsi per un conflitto di interessi riguardante la ripartizione degli utili.

Credete che tutti questi problemi tecnici e legali rilegheranno Apple ad una posizione di svantaggio rispetto ai principali concorrenti?

fonte Bloomberg