Samsung Galaxy Note 7 FE fa il pienone in Corea del Sud: ma l’azienda non apre al lancio globale

Tra dieci giorni verrà commercializzato il Samsung Galaxy Note 8, phablet che è stato accolto alla grande dalla critica e che per molti sarà in grado di riscattare i disastri del Note 7 (clicca qui per informarti sulla scheda tecnica). Samsung è riuscita, insomma, con S8 e Note 8 a cancellare gli ultimi mesi del 2016 che hanno messo a dura prova la credibilità di un’azienda che mai aveva avuto a che fare con “casi” come quello del Note 7.

La risalita è stata così repentina che qualche settimana fa è stata lanciata in Corea del Sud quella che di fatto è la versione ricondizionata del phablet 2016. Come quasi tutti ormai sapranno, si chiama Samsung Galaxy 7 FE (Fan Edition) e presenta praticamente le stesse specifiche del Note 8, a differenza della batteria (ovviamente…) la cui capienza è diminuita da 3500mAh a 3200mAh. Non sono mancati gli aggiornamenti a livello software con una nuova interfaccia e la presenza di Android 7 Nougat preinstallato.

Insomma, considerato anche il prezzo (699.600 won, circa 520 euro) Samsung Galaxy 7 FE era un’occasione da prendere al volo e i coreani non se la sono lasciata sfuggire. Le 400mila unità sono andate vendute in queste poche settimane. Samsung ha dichiarato di non aver intenzione di riproporre lo stesso modello (nemmeno in qualche edizione speciale) in patria, lasciando però la porta aperta per un lancio all’estero. Fonti interne all’azienda hanno assicurato che nessuna decisione è stata presa e che si sta valutando se e dove proporre il Samsung Galaxy 7 FE. Attendiamo con ansia.

fonte koreaherald.com