Con questa stagione Valve inizia un nuovo modo di gestire il gioco professionistico di DOTA 2: un percorso attraverso tre grandi tornei mondiali, organizzati da terze parti, per poi arrivare al “The International 2016” in estate. Si parte col torneo autunnale, “The Frankfurt Major”, organizzato da ESL dal 16 al 21 novembre, che sarà seguito da un torneo invernale e da uno primaverile ancora non annunciati. E per promuovere l’inizio della stagione delle Majors ecco spuntare un breve video, sette minuti, sulla sorpresa dello scorso “The Internationale”, CDEC Gaming, raccontata attraverso interviste a Dendi, Loda, Fear, Phobos e altri ancora. Che ne approfittano per parlare un po’ anche dei prossimi tornei, di come si stanno preparando e delle loro aspettative.

Non faccio mistero della mia simpatia per gli underdogs, quindi quando i CDEC sono arrivati a contendere il titolo di campione allo scorso “The International” di DOTA 2 il mio tifo era tutto per loro. Entrati come Wildcard, Squadra Jolly (cioè arrivati secondi alla Qualificazione Regionale e usciti vincitori dallo scontro con i secondi posti delle altre Qualificazioni Regionali) son riusciti non solo a non essere eliminati subito (come prima era accaduto per le Wildcard negli scorsi tornei di “The International”) ma sono arrivati sino alla finale, dove sono stati sconfitti da Evil Geniuses. Ora, la qualità del gioco forse non è stata eccelsa, forse han saputo solo sfruttare l’unico vantaggio che avevano rispetto a tutte le altre squadre, molto più famose di loro: sino alla fine, nessuno aveva capito davvero come stavano giocando DOTA 2. Ma han mostrato comunque un bel gioco aggressivo, raro nei team orientali che sono, secondo stereotipo, lenti, meditativi… in attesa del nemico che passa già morto trascinato dalla corrente del fiume.

Arriva intanto su Steam una raccolta, gratuita, con quattordici video-profili dei giocatori che hanno animato il “The International 2015“: Suma1L, XBOCT, Ferrari, HEEN. ROTK, NoTail, zfreek, Alohadance, Kecik-Imba, Xiao8, Mu, s4, fy e FNG. Insomma, c’è un po’ di roba da guardare per scaldarsi in attesa di “The Frankfurt Major” e della lotta per il suo montepremi di tre milioni di dollari. Ormai negli eSport girano davvero un sacco di soldi e pare che, oltre a Valve e Riot, anche altri se ne stiano accorgendo; Activision Blizzard ha infatti da poco annunciato una divisione dedicata solo all’eSport.

ATTENZIONE - STAI CERCANDO UN BELLISSIMO REGALO DI NATALE? NON PERDERTI LE INCREDIBILI OFFERTE PROPOSTE DA AMAZON!!! SCOPRILE IMMEDIATAMENTE!!! [CLICCA QUI]