News, guide su tecnologia (Android, Windows, iOS), Games e SocialMedia

Romero sospende il Kickstarter di Blackroom

Avevo parlato con un certo interesse del nuovo videogioco annunciato da John Romero e Adrian Cormack, co-fondatori di id Software (quella originale) e co-creatori di “Doom” (quello originale) e “Quake”. “Blackroom” è stato annunciato come un ritorno allo sparatutto anni 90, con un level-design astratto, possibilità illimitate di modding, multiplayer sparatutto arena, velocità di movimento e mobilità con bunny hopping, circle strafe, strafe jump, rocket jump e un sacco di altre tecniche che oggi sono quasi fuori legge nello sparatutto alla “Call of Duty”. Il gioco era stato anche proposto su Kickstarter, ma la campagna di “Blackroom” è stata ora sospesa.

Dopo appena un paio di giorni, e già più di $131ooo raccolti su $700000, Romero e Carmack hanno deciso di cancellare la campagna Kickstarter di “Blackroom” sin quando non sarà disponibile una demo che, però, ammettono impiegheranno tempo a creare, sicuramente più tempo di quanto sarebbe durata la campagna Kickstarter, che quindi non avrebbe mai potuto mostrare gameplay concreto di “Blackroom”.

“Dopo aver ascoltato la comunità dei giocatori da quando abbiamo lanciato la campagna, abbiamo deciso di darvi quello che avete chiesto: una demo di gameplay di Blackroom. La squadra sta lavorando a una demo che mostra il tipo di gameplay, l’aspetto e le innovative e fighe caratteristiche che rendono Blackroom davvero unico, le cose che attendiamo da anni di mettere in uno sparatutto in prima persona e che ci rendono davvero emozionati per questo gioco.” È un cambio di rotta che risolve un problema di questo Kickstarter, in cui la gente buttava soldi affidandosi solo al nome degli autori ma senza avere elementi concreti di giudizio. È vero che stiamo parlando di Romero, l’autore di “Wolfenstein 3D”, ma è lo stesso Romero che è stato autore anche di “Daikatana”, uno dei più grandi flop della storia del videogioco, un fallimento tanto spettacolare da aver convinto il suo creatore a restare, per anni, lontano proprio dagli sparatutto.