Google acquisisce Anvato e punta a migliorare lo streaming video

Le acquisizioni di piccole realtà da parte dei grandi colossi della tecnologia sono praticamente all’ordine del giorno, e l’ultima avvenuta in ordine di data è quella che riguarda Google. Il colosso di Mountain View ha acquisito Anvato, una azienda che si è sempre occupata di piattaforme cloud e di streaming web.

Considerando che YouTube è la piattaforma di streaming video più diffusa al mondo, è lecito immaginare che con questa mossa Google abbia voluto uccidere nella culla quello che avrebbe potuto essere un suo concorrente.

Ma al tempo stesso l’acquisizione di Anvato Media Content Platform consentirà a Google di perfezionare ulteriormente la sua piattaforma: “Il cloud sta cambiando il modo in cui i contenuti video vengono creati e distribuiti, così come il modo in cui gli utenti interagiscono con questo tipo di contenuti. Negli ultimi anni, l’adozione delle tecnologie over-the-top ha fatto nascere piattaforme critiche per fornire audio, video e contenuti multimediali via Internet”.

Con l’adozione dell’OTT, dunque, Google Cloud Platform e Anvato lavoreranno a stretto contatto per proporre delle soluzioni cloud mirate alle aziende attive nel campo dei media e dell’intrattenimento scalare. In questo modo si potranno offrire contenuti di alta qualità, video live e materiale on-demand ai consumatori.

via