Assassin’s Creed Osiris appare citato in Watch Dogs 2?

In passato avevamo già indicato che una possibile ambientazione per il prossimo “Assassin’s Creed” potrebbe essere quella egiziana, specificando che potrebbe però trattarsi non dell’Antico Egitto ma della parte finale della Dinastia Tolemaica, cioè quella di cui fa parte Cleopatra e con cui si chiude l’Ellenismo. Una possibile conferma, almeno all’ambientazione egiziana, verrebbe da “Watch Dogs 2”, in cui si troverebbe un riferimento a sorpresa a un certo “Assassin’s Creed Osiris”.

“Watch Dogs 2” è ambientato in una San Francisco molto simile a quella reale, dove è possibile incrociare anche il direttore marketing di Ubisoft che affronta al telefono il tema dei frequenti leak che, puntualmente ogni anno, svelano in anticipo il prossimo “Assassin’s Creed”. Hackerando il suo cellulare è possibile ascoltarlo conversare col suo capo (trovate il dialogo nel video in alto, da Kotaku). “Ti posso assicurare che non è possibile che il trailer esca fuori” dice il direttore marketing. “Davvero? Me lo puoi davvero assicuare? Dopo quello che è successo con Unity, Syndicate, Osiris?”

L’elenco è, naturalmente, quello degli ultimi episodi di “Assassin’s Creed” (“Assassin’s Creed Unity” e “Assassin’s Creed Syndicate”) con, alla fine, un nuovo titolo: “Assassin’s Creed Osiris”. Osiride (Osiris) era nella religione egiziana il Dio della Morte, e fu venerato come tale sino a quando il Cristianesimo e l’Impero Romano non decisero di sopprimere il credo locale. Si tratta, naturalmente, di un riferimento molto sottile, qualcosa che potrebbe essere interpretabile solo come un gioco, un easter egg. Oppure, terza possibilità, è un riferimento a un vecchio progetto di Ubisoft di cui avevamo effettivamente sentito parlare e che si chiamava proprio “Osiris”, un progetto che però “non sta più andando avanti”, come la compagnia spiegò all’epoca dei leak che lo riguardarono. Insomma, potrebbe essere solo un riferimento a questo.