Capcom registra di nuovo il marchio Deep Down

Torno a parlare di “Deep Down” di Capcom, videogioco di ruolo annunciato per PlayStation 4 nel 2013 ma scomparso dagli annunci ufficiali due anni dopo. “Deep Down” doveva essere molte cose: doveva essere lo sfidante di “Dark Souls”, il seguito spirituale di “Dragon’s Dogma” e la dimostrazione del nuovo motore di Capcom, Panta Rhei. E la sua formula sembrava innovativa: “Deep Down” sarebbe stato un videogioco di ruolo d’azione con multiplayer collaborativo in stile Soulsborne (sarei potuto entrare nella partita di un altro giocatore per aiutarlo) ma con dungeon creati proceduralmente e free-to-play.

Da questo spunto iniziale, almeno secondo il suo produttore Yoshinori Ono, “Deep Down” si trasformò e crebbe sino a diventare qualcosa di totalmente diverso, anche perché Capcom fu costretta ad ammettere che “il progetto precedente forse non era così buono”. L’anno scorso Capcom ha chiesto di rinnovare il marchio “Deep Down”, ma per farlo è stata costretta ad accettare di usarlo entro febbraio 2017 dimostrando così di essere seriamente intenzionata a sfruttare questo titolo (non si può semplicemente registrare un marchio e mantenerlo registrato per sempre senza mai realizzare un prodotto).

Siccome ormai febbraio è già a metà e Capcom non ha nulla in mano relativo a “Deep Down” il marchio è stato nuovamente registrato, il 9 febbraio. Si tratta di una nuova registrazione, indipendente rispetto a quella precedente che si avvia alla sua conclusione. Almeno questo evidenzia la volontà di Capcom di mantenere il controllo sul titolo e di farci qualcosa in futuro, magari approfittando dello spazio di mercato che FromSoftware ha lasciato libero dopo la fine di “Dark Souls”. E proprio nel 2017 sarà annunciato un gioco di Hideaki Itsuno, direttore di “Dragon’s Dogma”.

[Fonte: Gematsu]