Occhiali con filtro luce blu: cosa sono e quando usarli?

Pc, tablet e smartphone sono diventati ormai degli oggetti a noi molto cari e dai quali facciamo fatica staccarci. Che sia per lavoro, studio o svago i dispositivi elettronici poco prima elencati sono indispensabili per svolgere quelle attività.

Ma se da un lato l’innovazione e la tecnologia sono diventati nostri alleati per altri aspetti sono da considerare nocivi.

Ciò che li rende nocivi per la nostra salute e in particolar modo per la nostra vista è il fascio di luce blu che gli schermi proiettano ai nostri occhi.

Che cos’è la luce blu? Quali sintomi e danni provoca agli occhi? Come ci si può proteggere da essa?

Tutte queste sono domande alle quali daremo una risposta lungo questo articolo, affinché possiate prevenire danni irreparabili alla vostra vista.

Luce blu: che cos’è?

La luce blu è emessa naturalmente dai raggi solari ma può essere anche artificiale. In questo ultimo caso la luce blu artificiale viene trasmessa dalle lampadine a LED, dagli schermi di dispositivi elettronici come smartphone, tablet e computer. 

Si tratta di una luce a raggi di lunghezza corta e quindi si è soggetti di un assorbimento senza alcun tipo di filtro.

Il problema della luce blu inizia a sussistere quando ogni giorno si passano molte ore (dalle 4 alle 6 e oltre) davanti a device elettronici.

Quali sono i sintomi provocati dalla luce blu?

A tutti coloro che passano ore davanti a dispositivi elettronici sarà capitato molte volte di arrivare a fine giornata con gli occhi rossi e secchi e con un forte mal di testa.

Ecco questi sono i primi campanelli d’allarme che dovrebbero movimentarvi a trovare delle soluzioni repentine per proteggere i vostri occhi.

Dopo un turno di 8 ore in ufficio davanti al vostro computer inizierete a sentire questi sintomi:

  • Occhi rossi: questo primo sintomo insieme alla secchezza oculare sono dovuti dalla mancanza frequente del battere le ciglia. Un movimento involontario che vanno i nostri occhi quando si trovano a fissare una fonte luminosa. 
  • Stanchezza oculare: l’occhio dopo ore a fissare piccoli caratteri su uno sfondo luminoso inizia ad avere i muscoli indeboliti e per questo si avverte quel senso di stanchezza agli occhi.
  • Mal di testa: anche avvertire mal di testa è correlato alla luce blu. Se gli occhi durante la giornata si affaticano molto ne sarà la testa la prima a risentirne, scatenando delle forti emicranie. Il mal di testa spesso si può associare anche ad un fattore più di cervicale, anche esso scatenato dalla cattiva postura che si assume di fronte agli schermi e alle scritte piccole.
  • Insonnia: un sintomo molto fastidioso è quello correlato all’insonnia. Il nostro cervello quando avverte la luce blu percepisce che fuori sia ancora giorno e perciò diminuisce la produzione di melatonina, l’ormone del sonno.

Come difendersi dalla luce blu?

Se vi rivedete a fine giornata con tutti questi sintomi è giunto il momento di prendere atto della questione e risolverla. La soluzione numero uno che può aiutarvi a proteggere gli occhi e la vista sono gli occhiali con filtro luce blu di Nowaveofficial.

Stiamo parlando di occhiali neutri che possono essere indossati da chiunque avverte la necessità di proteggere i suoi occhi e che soprattutto sa che dovrà passare molte ore davanti a computer.

Si possono usare a lavoro, all’università e perché no anche semplicemente a casa quando si sta leggendo un libro sul tablet.

Nel caso si abbiano già degli occhiali da vista graduati non c’è problema, perché le lenti con filtro luce blu possono adattarsi anche a lenti graduate. 

Ma oltre agli occhiali, che sono fondamentali, bisogna seguire delle altre piccole accortezze.

Potrebbero interessarti anche questi articoli!

Innanzitutto, è il caso di limitare per quanto possibile le ore davanti a device elettronici, fare delle piccole pause ogni 30 minuti almeno.

Molto utile è anche la luce che illumina la stanza in cui stiamo lavorando, soprattutto la sera, la luce dello schermo non deve essere l’unica presente all’interno della camera, ma è necessario accenderne un’altra che illumini in maniera uniforme l’intera stanza.

 

Potrebbe piacerti anche