Batteria a terra? Sputa sullo smartphone, che si ricarica!

Sì, effettivamente sembra un po’ assurdo. Eppure la saliva verrà usata per davvero nella produzione di elettricità! Ne è convinto Seokheun Choi, professore della State University di New York, che è riuscito a sviluppare una batteria che si ricarica proprio con la saliva!

Parliamo di una batteria davvero piccola, di una batteria che quindi non ha nulla a che fare con quelle che utilizziamo nei nostri smartphone. Ma è pur sempre un inizio.

Ecco quindi che il docente universitario è riuscito a dar vita a una unità che tramite la saliva produce dei microwatt della durata di qualche minuto: sul corpo della batteria sono presenti dei batteri che si attivano al contatto con la saliva e che, una volta attivati, generano appunto piccole scariche di energia elettrica.

Choi ha spiegato che questa invenzione sarà sicuramente divertente e originale, ma che si rivelerà al tempo stesso anche molto utile e seria: la diffusione delle batterie ricaricabili mediante la saliva, infatti, contribuirà a non isolare più quelle zone del pianeta dove l’elettricità non è ancora realtà. Ci sarebbe così la possibilità di accedere una torcia LED o di attivare una macchina diagnostica per interventi di tipo medico in zone letteralmente sperdute, e quindi, da ludica quale era, l’invenzione della batteria a saliva finirà col risultare estremamente utile!

fonte Repubblica