WWDC 2013: presentato OS X Maverick!

L’evento dell’anno targato Apple, il WWDC 2013,  si è concluso poco fa con tante novità e tanta carne al fuoco. Ma partiamo con ordine.

La prima novità dell’evento è stata la presentazione della nuova versione di Mac OS X, il celebre sistema operativo della mela, che per l’occasione cambia nome e abbandona (finalmente) i felini.

Il nuovo OS X si chiamerà infatti Maverick, e porterà con sé numerose novità “tangibili” e “intangibili”. Andiamo a scoprirle di seguito.

Per quanto riguarda le novità “tangibili”, cioè visibili nell’interfaccia utente, abbiamo diversi miglioramenti/implementazioni:

  • Tab all’interno del finder, il file explorer di OS X. Per aprire più tab basterà cliccare sul +, proprio come se fosse un browser. Se abbiamo diverse istanze del finder aperte, grazie al tasto “merge all windows” sarà possibile unificarle in un’unica finestra organizzata a tab. Aggiunto il full screen.

img_9069

 

  • Tag dei documenti al momento del loro salvataggio, per garantire una ricerca ancora più veloce. Ad esempio taggare tutti i documenti che riguardano il lavoro e ritrovarli velocemente.

wwdc2013_0161

 

  • Display multipli per una maggiore produttività. Con un solo sistema operativo potremo utilizzare schermi diversi e compiere azioni diverse su ognuno di essi, ed il tutto in simultanea. Anche mission control viene aggiornato e adesso integrato in questa funzione.

595754c6feb127c3cc70c710d6745ea0

 

  • Safari notevolmente migliorato, sia in termini di funzioni che prestazioni. Adesso garantisce un accesso più veloce ai social network o ai siti web preferiti; infatti è stata aggiunta una comoda barra laterale dalla quale è possibile accedere velocemente ad applicazioni quali twitter o vedere le anteprime dei nostri preferiti. Prestazioni superiori grazie ad una maggiore ottimizzazione per evitare l’utilizzo di troppa memoria. Scroll incredibilmente veloce, privo di lag.

1b7aa328a67f275616fec48a9ed5b5eb_big

 

  • App Nap per monitorare i processi e osservare l’utilizzo della memoria, per capire se è necessario terminare processi in esecuzione che occupano più del previsto.

eb45b9838b314889cb5db59e007ed0ed_big

 

  • iCloud KeyChan, sistema che permette di memorizzare dati importanti quali password, login (ad esempio per siti web) o anche numeri di carte credito, il tutto con una sicurezza notevole grazie all’encriptazione a 256 bit.

42beff85d6200529a06002a3dbd0ee1a

  • Centro Notifiche che permette di avere un’anteprima di tutto quello che riceviamo, tramite una finestrella che comparirà in alto a destra e ci permetterà di interagire facilmente con la notifica stessa. Notifiche che vengono mostrare anche con lo schermo bloccato.

d5c5746da7233ff935c88da7fc970004

 

  • Mappe e Ibooks, con lo stesso funzionamento delle rispettive versioni iOs. Molto interessante poter sfogliare i propri libri anche su Mac, o poter cercare luoghi e calcolare distanze, nonchè ottenere una navigazione turn-by-turn. Il tutto sempre sincronizzato con iPhone.

07be28121749507348dcf99b2a2e63b9_big cbd93fa2d9f87e8fdbf4554c7b8388c0_big

 

Queste le novità più importanti.

Per quanto riguarda le novità “intangibili”, cioè sotto il cofano, sono tante e riguardano soprattutto l’ottimizzazione del sistema e l’uso parsimonioso della memoria. Maverick è dotato di tecnologie davvero avanzate, come la Compressed Memory o il Timer Coalascing. Entrambe migliorano la durata della batteria, permettendo un uso non troppo eccessivo della CPU. Infatti Maverick riesce a ridurre l’attività della CPU del 72% circa, garantendo un’incredibile autonomia.

69d9c57615e18edd009b97a517ba3560

 

Un sistema operativo che si presenta rinnovato sotto molti punti di vista e molto interessante. Non vediamo l’ora di provarlo.

OS X Maverick è disponibile da oggi solo per gli sviluppatori, mentre arriverà in autunno per tutti gli utenti consumer.

Restate con noi per le altre novità!

Via

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.