A sorpresa e all’ultimo minuto è stato annunciato il rinvio della versione console (PlayStation 4 e Xbox One) di “Gone Home” di The Fullbright Company, uscito per PC nel 2013. Mentre in Nord America il gioco è uscito come annunciato, Europa e Australia dovranno ancora aspettare a causa di imprevisti problemi di natura burocratica, dovuti ai vari enti di classificazione europei. Il ritardo è stato annunciato sull’account Twitter ufficiale di “Gone Home”.

The Fullbright Company spera di riuscire a superare i problemi in una settimana, ma ancora non è stata annunciata una nuova data di uscita del gioco nel territorio europeo e australiano. “Gone Home” è stato un vero e proprio momento di svolta nella storia del videogioco: il level design di videogiochi in prima persona a forte contenuto esplorativo, come “Bioshock” (e i fondatori di The Fullbright Company hanno lavorato proprio alla serie di “Bioshock”), veniva usato non in uno sparatutto ma in un gioco incentrato sulla scoperta di un luogo (una casa) e delle persone che ci vivono dentro.

La storia di “Gone Home” in breve, senza spoiler. Siamo negli anni 90 e, dopo un viaggio in Europa, la protagonista torna a casa dai genitori e dalla sorellina, che intanto hanno traslocato e sono andati a vivere in quella che un tempo era stata l’abitazione dello zio. Ma quando arriva all’abitazione la trova vuota: la sorellina ha lasciato un messaggio dicendo di essersene andata via e di non cercarla, e i genitori sono misteriosamente assenti. E mi fermo qua, consigliandovi però caldamente di giocarlo.

ATTENZIONE - STAI CERCANDO UN BELLISSIMO REGALO DI NATALE? NON PERDERTI LE INCREDIBILI OFFERTE PROPOSTE DA AMAZON!!! SCOPRILE IMMEDIATAMENTE!!! [CLICCA QUI]