Apple Watch 3, per KGI “impossibili le chiamate dirette” ma “possibili quelle VoIP”

Soltanto ieri vi abbiamo parlato di quello che potrebbe essere il design dell’Apple Watch 3 (leggi qui per saperne di più), l’attesissimo smartwatch di terza generazione che potrebbe segnare una svolta per Cupertino. Sì, perché come già abbiamo avuto modo di sottolineare, Apple lancerà con tutta probabilità una versione con connessione LTE che apre scenari totalmente inediti per il settore degli indossabili.

Quasi superfluo sottolineare come il passo definitivo verso l’indipendenza da iPhone costituirebbe un valore aggiunto clamoroso per Apple Watch 3: si va in questa direzione con l’adozione di una sorta di eSIM che sarebbe un clone virtuale della SIM sul proprio “melafonino” e che garantirebbe l’uso dello smartwatch anche in totale autonomia. A parlare di questa soluzione è il sempre beninformato Ming-Chi Kuo, analista di KGI Securities, che tocca anche un argomento particolarmente caro agli utenti, quello delle telefonate dirette.

Ebbene, Kuo esclude categoricamente un arrivo immediato di tale funzionalità, sottolineando però al tempo stesso che è un approdo “inevitabile” in un futuro più o meno immediato. In compenso, migliorando l’esperienza utente in termini di trasmissione dei dati e, probabilmente, mettendo da parte il 3G per far spazio al modulo LTE, la possibilità che si dia accesso alle chiamate VoIP su servizi come FaceTime e Skype è concreta. Insomma, aspettiamoci novità epocali dal prossimo Apple Watch 3!

fonte Macrumors.com