Tiny Metal, erede spirituale di Advance Wars, esce tra le polemiche

Tiny Metal di Area 35 è un videogioco di strategia a turni appena uscito su PC, PlayStation 4 e Nintendo Switch. È chiaramente ispirato ad Advance Wars, splendida serie arrivata in Occidente nel 2001 su Game Boy Advance, con eserciti composti da piccole unità che si muovono a turni su una mappa divisa in quadrati e attaccano le truppe nemiche.

Tiny Metal ha al lancio una campagna single-player con 19 missioni e più di 50 mappe extra per la modalità Schermaglia. Da notare che, pur essendo un videogioco di strategia a turni, non ha modalità multiplayer al momento, ma dovrebbe riceverla in futuro con un aggiornamento gratuito insieme ad altri contenuti.

Tiny Metal è stato di recente al centro di una controversia piuttosto seria riguardante un altro videogioco, Project Phoenix. Project Phoenix di Area 35 e Hiroaki Yura sarebbe stato un ibrido tra gioco di ruolo e strategico in tempo reale e aveva raccolto, più di quattro anni fa, un milione di dollari su Kickstarter per poi sparire come molti altri progetti (sarebbe dovuto uscire nel 2015 ma è stato rinviato almeno al 2018).

Secondo un ex sviluppatore di Area 35, Tariq Lacy, i ritardi del progetto sono dovuti al fatto che Yura si sarebbe impadronito di parte dei finanziamenti ricevuti da Project Phoenix per finanziare proprio Tiny Metal, riducendo le risorse per Project Phoenix che, secondo Lacy, Yura non ha mai voluto davvero sviluppare: Project Phoenix sarebbe stato sin dall’inizio un progetto solo di facciata per finanziare lo studio e altro.

Yura si è difeso dicendo che le accuse vengono da un membro dello studio arrabbiato dopo esser stato allontanato da Area 35 per aver molestato delle colleghe, mentre i fondi di Tiny Metal vengono da investitori australiani e da Unties, la nuova etichetta di Sony Music specializzata in videogiochi indipendenti. Naturalmente Lacy nega di aver molestato le colleghe ed è difficile per noi capire quale sia la verità ma Project Phoenix è effettivamente svanito nel nulla.

Potrebbe piacerti anche