Come fare se hai uno smartphone Android perso o rubato

E’ l’incubo di tutti i possessori di smartphone top di gamma ma anche di smartphone economici e smartphone cinesi: smarrire il proprio dispositivo. Siamo costretti a portare dei piccoli cellulari dalle capacità di PC, notebook e tablet a tutti gli effetti nelle nostre tasche tutti i giorni, con dentro i nostri dati personali, le nostre foto, video, password e tanto altro che solo a pensarci sale il pathos. I malintenzionati sono sempre dietro l’angolo, ed è facilissimo essere vittima di un furto o smarrire anche il miglior smartphone Samsung, LG, Huawei, Sony e HTC per tutti i problemi che si hanno nella testa.

Migliaia di persone ogni giorno non trovano più il loro smartphone Android perso, sia perchè l’hanno accidentalmente smarrito e sia perchè viene rubato. I cellulari, specialmente negli ultimi tempi con i loro display, CPU, schede video, RAM e funzionalità importanti come 4G e GPS, sono dei gioiellini sempre più ambiti dai ladri. Diventa quindi una cosa indispensabile proteggere lo smartphone tenendolo sempre a portata di mano e impostando blocchi come password e PIN al proprio dispositivo proprio come accade nei PC con sistema operativo Windows. Il prezzo degli smartphone 2015 di fascia alta sta sempre più aumentando quanto più aumentano le loro specifiche hardware, e con loro la paura di perderli. Non sarà mai possibile evitare del tutto furti e smarrimenti, non succede neanche con i migliori sistemi di antifurto nelle migliori automobili, ma è possibile prendere precauzioni contro i ladri e contro gli smarrimenti. Nonchè localizzare il proprio smartphone con sistemi come GPS, SMS, 4G LTE tramite app di Google Play Store ed altro se è già stato rubato per poter cercare di recuperarlo, magari anche chiamando la polizia e le forze dell’ordine.

Riuscire a recuperare uno smartphone Android perso o rubato è quindi possibile, ma bisogna avere anche quella dose di fortuna necessaria affinchè tutto vada liscio. E inoltre bisogna sperare che il nostro device non venga spento o che non venga rimossa la batteria dal suo interno. Per fornirvi tutti i mezzi necessari a rimediare alla perdita del vostro device prima di spendere altri soldi per acquistarne uno nuovo al prezzo di 200 euro o più proveremo ad aiutarvi. Dopo averti presentato la guida su come localizzare smartphone Android, ti mostriamo ora la guida che ti possa illuminare su come fare se hai uno smartphone Android perso o rubato e non riesci più a trovare il modo per recuperarlo.

Come fare se hai uno smartphone Android perso o rubato: Bloccare IMEI

smartphone Android perso

Se ti trovi con uno smartphone Android perso, ma ancor meglio se rubato, c’è una alternativa immediata e infallibile su cui puoi optare già da subito. Questa alternativa non richiede alcun software installato e nessun servizio di localizzazione: consiste nel bloccare il codice IMEI. Questo codice è una stringa identificativa di 15 cifre che distingue in modo univoco ogni smartphone o altro apparecchio tecnologico, ed è possibile bloccarlo in modo temporaneo o permanente per limitare l’accesso al dispositivo da parte di estranei.

Per bloccare il codice IMEI bisogna innanzitutto procurarselo. Il codice si può trovare in 3 posti differenti. Primo posto nel comparto software del dispositivo, basterà aprire il dialer dello smartphone (ovvero la tastiera in cui si digitano i numeri di telefono) e scrivere la combinazione *#06#, oppure potete visualizzarlo sulla batteria del device. Terzo, se vi trovate già di fronte a uno smartphone Android perso o rubato, potete recuperare l’IMEI dalla confezione del terminale. Fatto ciò chiamate il vostro gestore telefonico e richiedete il blocco del codice. Una volta bloccato le SIM card inserite nello smartphone Android perso verranno rifiutate e inoltre comunicate al gestore telefonico interessato.

Come fare se hai uno smartphone Android perso o rubato: Gestione dispositivi

smartphone Android perso

Il sistema operativo del robottino dispone di una funzionalità molto speciale per recuperare uno smartphone Android perso o rubato, e si chiama Gestione Dispositivi. Questa opzione nativa nel sistema operativo Android è di solito abilitata automaticamente negli smartphone. Quindi in caso di furto se lo smartphone dispone del GPS o di una connessione ad Internet attiva potrete localizzarlo, bloccarlo o eliminare tutti i dati salvati nella memoria.

Nel caso non aveste ancora perso il vostro smartphone o vogliate proteggervi dal perderne un altro vi spieghiamo prima di tutto come assicurarvi se l’opzione Gestione Dispositivi è attiva sul vostro dispositivo. Andate sul Menu, toccate Impostazioni e scegliete la scheda Geolocalizzazione, che una volta aperta imposterete su On tramite la prima leva che appare. Adesso tornate nel Menu ed aprite l’app Impostazioni Google, quindi scegliete la scheda Sicurezza. Abilitate quindi nella finestra che appare le opzioni Localizza questo dispositivo da remoto e Consenti blocco da remoto e resetta; adesso Gestione Dispositivi è abilitato. Se vi trovate di fronte ad uno smartphone Android perso collegatevi al sito di Gestione Dispositivi e loggatevi nell’account Google associato al vostro smartphone. Si aprirà una mappa che permetterà di localizzare il dispositivo, farlo squillare, bloccarlo e formattarlo.

Come fare se hai uno smartphone Android perso o rubato: Avast Mobile

smartphone Android perso

Avast è un noto antivirus per PC, da anni famoso per essere una delle migliori alternative gratis per proteggere il computer da virus e malware. Questo antivirus è disponibile anche per mobile ed è molto utile in caso di uno smartphone Android perso o rubato. L’applicazione per mobile possiede infatti una funzione antifurto chiamata Anti-Theft, che permette di bloccare lo smartphone rubato tramite un codice PIN, farlo squillare in modo molto alto, controllare a distanza il dispositivo tramite SMS e cancellare tutti i dati presenti al suo interno.

Per installare Avast Mobile dovete recarvi sulla sua pagina del Play Store dell’antivirus, toccare Installa e alla fine della procedura toccate su Apri. All’avvio Avast chiederà un nome da assegnare all’app per nasconderla nel dispositivo e non permettere che venga disinstallata dal malintenzionato responsabile del vostro smartphone Android perso. Inserito il nome andate su Impostazioni nell’app e scegliete Anti-Theft. Si dovranno quindi inserire i dati nelle voci Il tuo nome, Controllo remoto e avast! PIN. Per controllo remoto si intende inserire i numeri degli smartphone di riserva, preceduti da +39, dai quali il dispositivo verrà controllato tramite SMS in caso di smarrimento o furto. Se il vostro smartphone viene rubato inviate un SMS dal dispositivo associato con scritto “Codice PIN LOCK”, ovviamente invece di Codice PIN dovrete scrivere il codice che avete scelto precedentemente. Potrete quindi bloccare lo smartphone, effettuare un hard reset, cancellarne i dati o localizzarlo a vostro piacimento.

Come fare se hai uno smartphone Android perso o rubato: Denuncia

In caso di smartphone Android perso o rubato si può sporgere denuncia agli organi di Polizia, e lo si può fare recandosi in questura e presentando un modulo precompilato fornito dai gestori telefonici. Questo modulo varrà come autocertificazione e dovrà essere allegato ad un documento di identità per rendere valida la denuncia. Si provvederà quindi al blocco del cellulare. Se si ritrova il telefono si può tranquillamente richiedere lo sblocco ed annullare la denuncia. Per fare ciò bisognerà inviare al gestore telefonico la dichiarazione di rinvenimento allegata sempre ad un documento di identità. E’ importante anche fornire il codice IMEI per un blocco immediato dello smartphone irrintracciabile.

Per effettuare una denuncia bisogna recarsi ad un organo di Polizia e richiedere il modulo precompilato, quindi bisognerà inviarlo al proprio gestore telefonico. Se siete clienti TIM potrete farlo a mezzo fax al numero 800 600 119 per i privati e al numero 800 423 131 per le aziende, oppure via posta. Se siete clienti Vodafone il numero fax è 800 034 651. Per i clienti WIND il numero è 800 915 844 ed è disponibile un indirizzo postale. Infine per i clienti 3 è possibile recarsi in qualunque rivenditore autorizzato del gestore.

Come fare se hai uno smartphone Android perso o rubato: Cerberus

Infine vi segnaliamo Cerberus, una applicazione a pagamento ma che è considerata la migliore per Android in ambito di perdite e furti. E’ disponibile un periodo di prova gratuito di 7 giorni, poi si pagherà 4,99 euro. L’app permette di localizzare smartphone Android, controllarli, bloccarli, visualizzare le info sulla SIM contenuta e cancellare i dati presenti al suo interno.

Potrebbero interessarti anche questi articoli!

Per installarla bisogna innanzitutto scaricarla da Google Play Store, toccando Installa e al termine dell’installazione su Apri. Una volta avviata toccate su Crea un account Cerberus e inserite i vostri dati, quindi toccate di nuovo Crea Account. A questo punto dovrete scegliere Abilita amministratore dispositivo e Concedi permesso Superuser, in questo modo Cerberus potrà controllare autonomamente lo smartphone. Quando smarrite il vostro dispositivo potete quindi collegarvi al sito di Cerberus se siete da PC o scaricare l’applicazione Cerberus Client se siete da Mobile, e controllare il dispositivo.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.