Dovresti acquistare OnePlus Open adesso o aspettare OnePlus Open 2?

OnePlus ha riscontrato un immenso successo con il suo primo dispositivo dieci anni fa e, sebbene possa essere stato il primo smartphone pieghevole dell’azienda , ha ricevuto rapidamente molti elogi dai recensori. OnePlus Open è stato, ed è tuttora, elogiato per la sua fantastica esperienza software, la fotocamera decente, la ricarica rapida e l’eccellente set di display. Offre molto per il suo prezzo, ma fa anche qualche sacrificio che ci porta comunque a consigliare altri dispositivi, come il Google Pixel Fold o il Samsung Galaxy Z Fold 5.

Tuttavia, dato che il Galaxy Z Fold 6 è proprio dietro l’angolo, nel momento in cui scriviamo ci siamo chiesti se valga ancora la pena acquistare il OnePlus Open oggi, o se sia il caso di resistere e aspettare ancora un po’ per il OnePlus Open 2. .

Il OnePlus Open ha fatto bene molte cose, soprattutto a livello hardware. La piega era visibile ad angolazioni estreme, ma era per lo più impercettibile a meno che non la cercassi di proposito. Il meccanismo a cerniera ha resistito bene e sembrava robusto e fatto per durare. L’unico lato negativo era che la cerniera non poteva rimanere aperta oltre l’angolo di 120 gradi, che è qualcosa che vogliamo vedere con la prossima generazione.

Il OnePlus Open di prima generazione aveva una cover da 6,3 pollici e display principali da 7,8 pollici. La qualità dell’immagine su entrambi era eccellente, grazie ai pannelli LTPO3 Super Fluid. Il display principale aveva un pannello AMOLED, mentre lo schermo di copertura beneficiava del pannello OLED. I due schermi avevano identici livelli di luminosità di picco di 2800 nit e una frequenza di aggiornamento di 120 Hz, rendendoli ideali per i giochi e tutte le attività generali.

Le poche aree in cui OnePlus non era altrettanto competitivo sono la protezione dagli ingressi e la ricarica wireless. L’omissione di quest’ultimo ha sollevato alcune perplessità, poiché sia ​​Google che Samsung sono riusciti a includerlo nei loro dispositivi. E nonostante il certificato di resistenza agli schizzi IPX4 dell’Open, è stato un po’ deludente il fatto che, almeno sulla carta, non sarebbe sopravvissuto allo stesso livello di immersione del Galaxy Z Fold 5 o Pixel Fold con grado di protezione IPX8.

Al contrario, tuttavia, OnePlus offriva una soluzione di ricarica cablata da 67 W molto più veloce che poteva ricaricare completamente il pieghevole in meno di 45 minuti.

OnePlus non si è accontentata delle funzionalità principali

Ho sempre elogiato Samsung per l’eccellente software e le funzionalità multitasking della serie Galaxy Z Fold, che erano ben definite e includevano tutti gli elementi essenziali. D’altro canto, OnePlus aveva meno esperienza in questo segmento, ed era lecito supporre che l’azienda non avrebbe avuto la stessa raffinata esperienza dei marchi già affermati e dei loro dispositivi.

Ma a quanto pare, quel pensiero iniziale era sbagliato. La società madre di OnePlus, Oppo, ha già diversi anni di esperienza in questo senso. Con il rilascio di OnePlus Open, l’azienda ha segnato il suo viaggio come una delle migliori esperienze software per dispositivi pieghevoli, ricevendo elogi a destra e sinistra per le sue eccellenti capacità multitasking e funzionalità integrate.

Abbiamo approfondito l’esperienza del software su Open, che ha dimostrato alcune delle sue caratteristiche uniche, inclusa l’esperienza multitasking intuitiva. In breve, lo schermo diviso ha funzionato come ci si aspetterebbe e gli utenti sono stati in grado di utilizzare tre app contemporaneamente scorrendo sulle app aperte come se fosse un carosello.

Ci vuole un po’ di tempo per abituarsi, ma l’opzione di avere tre app aperte una accanto all’altra potrebbe rappresentare un punto di svolta per alcuni.

Per quanto riguarda il resto del software, si tratta di OxygenOS con la solita versione OnePlus, con il dock del OnePlus Pad e alcune funzionalità aggiuntive realizzate appositamente per migliorare l’esperienza pieghevole nelle app e nel sistema.

Il OnePlus Open 2 potrebbe affrontare la forte concorrenza di Samsung e Google

È giusto dire che il mercato degli smartphone pieghevoli è più caldo anche rispetto a un anno fa e Samsung sta assistendo a una forte concorrenza da parte di artisti del calibro di OnePlus, Google e Huawei . Ci aspettiamo di vedere una competizione ancora più entusiasmante tra le aziende in futuro: sarà interessante vedere come si svilupperà ciascuno di questi nuovi dispositivi (gioco di parole) e quali nuove capacità e progressi porteranno insieme all’intelligenza artificiale.

OnePlus avrà sicuramente un duro lavoro da competere, soprattutto perché si prevede che Google rinnoverà completamente la sua strategia per Pixel Fold 2 , optando per un fattore di forma pieghevole più “tradizionale” simile al Galaxy Z Fold 6 e al OnePlus Open. . Non si concentrerà più sull’esperienza orizzontale, mentre Samsung dovrebbe rendere lo schermo più ampio e il telefono più sottile.

La conclusione è che OnePlus Open rimane un eccellente telefono di punta, con il suo fantastico hardware e un’eccellente esperienza software. Offerte speciali possono aiutarti a risparmiare centinaia di dollari e si dice che l’hardware rimarrà aggiornato e più che capace ancora per qualche anno.

Tuttavia, se stai cercando funzionalità ancora più potenziate dall’intelligenza artificiale, un’esperienza della fotocamera ancora migliore, prestazioni più veloci e, si spera, funzionalità come la ricarica wireless, allora potrebbe essere una buona idea resistere un po’ più a lungo. Non abbiamo ancora molte informazioni sul prossimo pieghevole Open 2 di OnePlus, ma si prevede che presenterà numerosi miglioramenti a livello hardware e software.

VIA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.