News, guide su tecnologia (Android, Windows, iOS), Games e SocialMedia

DOOM 2016: Non perdetevi la sua colonna sonora

La colonna sonora del nuovo “DOOM” di id Software e Bethesda è ora acquistabile da iTunes (a €8,99) e Google Play (a €9,49) ed è ascoltabile gratuitamente e integralmente su Spotify (la trovate qui sotto). Certo, il modo migliore per gustarsela è come sottofondo di una strage di demoni, mentre le mani affondano nelle viscere e stritolano il cuore di un Nido di Sangue e le stanze eruttano di mostri in cerca di vite umane e la musica esplode. Ma se la volete avere sempre con voi ne avete, finalmente, l’occasione.

Non c’è stato alcun annuncio da parte di id Software o Bethesda sul lancio della colonna sonora di “DOOM”. Anche su Twitter Bethesda è troppo occupata a promuovere “Dishonored 2”, mentre idSoftware si concentra su “Quake Champions” e su SnapMap e Multiplayer di “DOOM” [AGGIORNAMENTO 6/10/2016 Dopo che abbiamo pubblicato questo articolo Bethesda ha annunciato l’uscita della colonna sonora su Steam e su Twitter e ora essa è disponibile in un video YouTube unico anche sul suo canale ufficiale]. È un peccato, perché la colonna sonora del nuovo “DOOM” è una delle parti migliori dell’opera (e parliamo comunque di un gioco con momenti eccellenti) e meriterebbe di essere valorizzata di più. È strano anche che sia uscita così tardi… ma considerate che “DOOM” ha dovuto aspettare sino a ora per ricevere una vera modalità Deathmatch per il suo multiplayer. E pensandoci bene questo è decisamente più strano.

A questo punto non mi resta che aspettare di poterla acquistare in una bella edizione fisica, ma idSoftware e Bethesda non hanno ancora annunciato niente neanche riguardo a questo. Abbiamo scoperto della distribuzione della colonna sonora di “DOOM” grazie al canale YouTube del suo compositore, Mick Gordon, che ha pubblicato un video per “Rip & Tear”, la seconda delle trentuno tracce della raccolta, insieme ai link che vi ho indicato. Probabilmente gli appassionati di chitarra godranno vedendolo al lavoro sulla sua Mayones Regius.

Come ha raccontato in due video di “dietro le quinte” alla creazione della colonna sonora di “DOOM”, Mick Gordon ha costruito i brani mescolando le influenze heavy metal del primo “Doom” del 1993 con parti elettroniche, mescolando analogico (sono state usate anche audiocassette durante la composizione) e digitale, mescolando carne ed energia. E riuscendo a mantenersi davvero fedele all’impatto sonoro del gioco originale e al gusto delle sue musiche, create da Robert Prince sulla base dell’heavy metal e dell’hard rock dell’epoca. Confrontate “At Doom’s Gate” di “DOOM” del 2016, un pezzo che accompagna con forza e ribellione l’inizio del gioco contribuendo a dare carattere al protagonista (l’Uccisore del Destino), con la musica originale del 1993, quando “At Doom’s Gate” accompagnava E1M1 (“Hangar”). Troverete lo stesso spirito e lo stesso ritmo, come “DOOM” del 2016 riesce, spesso, a proporre lo stesso spirito e lo stesso ritmo del gameplay di quello del 1993.